Cerca

Toh, che caso...

Matteo Renzi: "Interverremo sulle intercettazioni telefoniche"

Matteo Renzi

Quando toccano la sinistra devono essere cambiate. Si parla di intercettazioni telefoniche, lo strumento con il quale per 20 anni le toghe hanno bombardato Silvio Berlusconi. Ma ora che le intercettazioni lambiscono il Pd (e Massimo D'Alema), il premier Matteo Renzi, intervistato da Il Messaggero, annuncia la svolta: "Le intercettazioni - premette - sono uno strumento molto, utile: rinunciarvi sarebbe stupido e autolesionista. Ma il modo con il quale vengono diffuse da alcuni avvocati e alcuni magistrati, da alcuni addetti ai lavori e anche da alcuni media è francamente incredibile e inaccettabile. Siamo tutti d'accordo sulla necessità di intervenire con misure che non blocchino i magistrati e contemporaneamente consentano di soddisfare il sacrosanto diritto di cronaca. La soluzione - prosegue - è a portata di mano. Siamo la maggioranza che ha superato l'articolo 18, declassificato i segreti di Stato, introdotto la responsabilità civile" eccetera eccetera, dunque "toccherà a noi anche risolvere il nodo delle intercettazioni e non ci tireremo indietro". Parole sacrosante, per carità. Quello che desta qualche sospetto è solo il tempismo: solo ora, infatti, la sinistra si accorge delle storture determinate dall'uso spregiudicato delle intercettazioni telefoniche.

Renzi annuncia la riforma delle intercettazioni: un caso?
Vota il sondaggio di Liberoquotidiano.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovanniperini

    06 Aprile 2015 - 15:03

    Ora che scheletri vengono fuori dai loro armadi , le intercettazioni non vanno piu bene??????? Non siamo tutti pidioti, W la magistratura , quella onesta , non schierata .

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    06 Aprile 2015 - 12:12

    Renzi...sei venuto o ti hanno mandato ? Hai proprio rotto coi tuoi annunci......sembri l' Annunciazione !

    Report

    Rispondi

  • arwen

    06 Aprile 2015 - 10:10

    Fino a ieri il PD, tutto compatto, si schierava contro quella che definiva un vulnus della democrazia, cioè la legge sulla regolamentazione delle intercettazioni. Oggi, invece, arriva il contrordine. Compagni, abbiamo scherzato, le intercettazioni spiattellate sul giornale vanno bene solo se toccano B, se no sono solo barbarie colpa di quei cattivoni di giornalisti. La patetica ipocrisia di sx....

    Report

    Rispondi

  • claudia42

    06 Aprile 2015 - 10:10

    Ma certo, ora che le intercettazioni toccano parecchio la sinistra, serve dare una regolamentazione. Il sitema delle cooperative da quanto tempo esiste? Quanto ha dormito la magistratura?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog