Cerca

Il dialogo rubato dalla microspia

Il manager a Massimo D'Alema: "Il tuo vino e quei 400 alberghi di Ischia"

Massimo D'Alema

Il "vinogate" che lambisce Massimo D'Alema si complica. Infatti si scopre che agli atti dell'inchiesta c'è anche una riunione, che si è tenuta a Ischia, di un gruppo di 400 albergatori; un metodo - sottolinea Il Mattino - per presentare al meglio della ristorazione isolana il vino prodotto dal Baffino democratico. E dalle pagine dell'inchiesta spunta anche una nuova intercettazione, un colloquio tra il manager della Cpl Concordia Francesco Simone, finito agli arresti (e che ha cominciato a "cantare"...), e Baffino. I due, of course, parlano di vino. E di affari legati alla possibilità di sponsorizzare il prodotto dell'azienda vinicola di D'Alema. La conversazione è stata intercettata grazie a una microspia installata negli uffici di via del Bufalo, a Roma, sede capitolina della Concordia, dai militari del Noe. Si sente la voce di Simone, ma non quella di D'Alema, che come è noto non è indagato in questa vicenda.

La conversazione - Eppure, sempre Il Mattino, presenta una sintesi di questa conversazione, ricostruita alla luce di quanto depositato finora agli atti. "Buonasera presidente - esordisce Simone -, senti ho parlato del nostro incontro con Casari (leader della Cpl Concordia, finito in carcere), al sindaco di Ischia, che è un compagno di vecchia data, si chiama Giosi Ferrandino...bene, lui è in collegamento con quattrocento operatori alberghieri di Ischia". Si arriva poi alla proposta di Simone: "Siccome tu ci avevi accennato della tua produzione eccellente, lui (Ferrandino, ndr) sarebbe disponibile, quando vorrai, se vorrai e riterrai, di fare una specie di riunione degli albergatori più importanti e presentare il frutto del sudore della fronte". Secondo la ricostruzione del Noe si parla di affari, della possibilità di "parlare con il finanziario della Concordia". Quindi la domanda conclusiva di Simone: "Allora, tu mi autorizzi a farla chiamare e capire qual è questo gap... diciamo documentale...ottimo e abbondante...senti presidente, ti ringrazio tantissimo e ti auguro buon lavoro". Ad oggi, stando alle indagini condotte a Napoli, la Concordia ha acquistato vino da casa D'Alema per 20mila euro. Ora agli atti c'è anche una possibile "triangolazione" che coinvolgerebbe il gruppo di 400 albergatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • soter66

    09 Aprile 2015 - 08:08

    A me sembra strano che a Ischia ci siano 400 hotel.

    Report

    Rispondi

  • GiulianaBaudone

    07 Aprile 2015 - 11:11

    Sicuramente non si procederà oltre visto che baffino è di sinistra. Vi immaginate se una telefonata del genere fosse stata fatta da un personaggio vicino a Berlusconi e i vigneti fossero stati dello stesso Berlusconi? Due metri due misure visto e considerato che in Italia si chiude gli occhi davanti a personaggi di sinistra.....però....visto che D'Alema disturba molto Renzi potrebbe esserci un ..

    Report

    Rispondi

  • BIRDIE

    07 Aprile 2015 - 10:10

    Nessuno chiede mai allo spocchioso gallipolino dove ha trovato i milioni per comperare una tenuta agricola con 12 ettari di vigneti DOC visto che suo padre faceva il sarto o il barbiere? anche con i 10000 euro di lauto stipendio parlamentare ci vorrebbero secoli...e allora dove li ha presi? ha vinto una lotteria? oppure....coraggio ditelo voi!!

    Report

    Rispondi

    • allianz

      08 Aprile 2015 - 08:08

      Caro Birdy,si faccia la stessa domanda nei riguardi della coppia Bondi/Repetti...L'unica certezza?Sono tutti figli della medesima arte italica del ladrocinio.

      Report

      Rispondi

    • maledizione

      07 Aprile 2015 - 11:11

      Ha riposto: è uno scrittore di successo....ahahahahahahhhhhhhhhhhh, purtroppo anche la Mondadori gli ha dato come anticipo dei gran soldi, anche se non milioni di euro, il resto potete immaginare...basta che gli amici comprino a vagonate i suoi libri e se poi finiscino nell'immondizia che importa!!! Tutto regolare per la ns magistratura ovviamente, ma anche B. non ci fa una bella figura.....

      Report

      Rispondi

      • allianz

        08 Aprile 2015 - 08:08

        Anche Gheddafi era uno scrittore.Peccato che il suo libro si sia impolverato di parecchio a stare sugli scaffali....

        Report

        Rispondi

  • BIRDIE

    07 Aprile 2015 - 10:10

    Nessuno chiede mai allo spocchioso gallipolino dove ha trovato i milioni per comperare una tenuta agricola con 12 ettari di vigneti DOC visto che suo padre faceva il sarto o il barbiere? anche con i 10000 euro di lauto stipendio parlamentare ci vorrebbero secoli...e allora dove li ha presi? ha vinto una lotteria? oppure....coraggio ditelo voi!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog