Cerca

Il guru

Gianroberto Casaleggio lancia "Rousseau": la piattaforma del M5s per discutere di leggi e candidati

Gianroberto Casaleggio lancia "Rousseau": la piattaforma del M5s per discutere di leggi e candidati

Fra poche settimane il Movimento 5 stelle avrà il suo "sistema operativo" e si chiamerà modestamente Rousseau. Lo ha annunciato su un'intera paginata del Fatto quotidiano il guru del movimento grillino Gianroberto Casaleggio, in un'intervista surreale tra citazioni di Lincoln e giravolte da capogiro per giustificare le alleanze a Strasburgo con Nigel Farage dei pentastellati. Il politico britannico insomma non è proprio di quella brutta destra alla Marine Le Pen, ma più vicino a David Cameron, così è più digeribile a tutti. su 

Le funzioni - Alla piattaforma grillina potranno accedere solo gli iscritti al movimento, alla faccia della democrazia partecipativa della "gggente". Avrà dieci funzioni tra le quali quelle di poter organizzare proposte di legge da presentare attraverso i "cittadini" in Parlamento o votare per la scelta di un candidato in un comune.

Il direttorio - Casaleggio schifa la definizione del "direttorio", ma che esista un gruppo ristretto di grillini più uguali degli altri deputato a prendere le decisioni vere non lo nega neanche il guru. Lui dice che funziona e pure bene.

Euro - Casaleggio conferma che di alleanze tra M5s e altri partiti non se ne parla neanche. Ma potrebbe ritrovarsi con qualche compagno di viaggio in più se dovesse andare in porto un'idea che i grillini pensano sia ancora attuabile, cioè il referendum sull'uscita dell'Italia dall'Euro. Il progetto è di "raccogliere le firme per una legge di iniziativa popolare per 'spingere' un referendum, poi votarla in Parlamento e infine avviare un referendum consultivo, come fu fatto nel 1989".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filippo.ghigini

    11 Aprile 2015 - 20:08

    Tutti possono iscriversi al portale del movimento, e al contrario dei partiti politici non chiedono oboli per le tessere. Bastano una mail e un documento. Quali altri partiti hanno MAI anche solo TENTATO di fare quello che sta facendo il Movimento 5 Stelle, cercando di coinvolgere liberi cittadini nella politica, attraverso degli strumenti partecipativi?

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    10 Aprile 2015 - 21:09

    non e´che il casaleggio dalla strana chioma sia un fenomeno di sapienza ed intelligenza,a sentirlo uno si convince che ad essere fenomeni di dabbenaggine al limite dell´interdizione per incapacita´di intendere sono quei poveri fessacchiotti di grillini che gli vanno dietro.

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    10 Aprile 2015 - 19:07

    non e´che il casaleggio dalla strana chioma sia un fenomeno di sapienza ed intelligenza,a sentirlo uno si convince che ad essere fenomeni di dabbenaggine al limite dell´interdizione per incapacita´di intendere sono quei poveri fessacchiotti di grillini che gli vanno dietro.

    Report

    Rispondi

  • kicner

    09 Aprile 2015 - 21:09

    .... nella Costituzione alla voce Partiti Politici (ovvero quelle strutture che dicono di rappresentare i cittadini che li hanno eletti e loro sono fra queste strutture altrimenti non si potevano presentare alle elezioni) parla di democrazia interna e allora? Allora dovrebbero non essere accettati alle prossime elezioni se non cambiano quel sistema autoritario.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog