Cerca

Le grandi interviste di Perna

Veneziani: "Berlusconi è già nella storia, ma deve lasciare la politica"

Veneziani: "Berlusconi è già nella storia, ma deve lasciare la politica"

Le ha provate tutte Marcello Veneziani per fiaccarmi prima dell’intervista e rendermi innocuo. Suono al portone della sua casa nel cuore di Roma e mi dice al citofono: «Quarto piano», fa una pausa e aggiunge: «Non c’è ascensore». Il quarto piano corrisponde al tetto. Sono settanta scalini ripidi di una stretta scala a chiocciola. Quando arrivo, Veneziani è sulla porta con un bel sorriso da impunito. Mi invita a entrare, addita la scaletta interna e dice: «Ancora uno sforzo, poi siamo in salotto». Mi inerpico e entro in una magnifica stanza con una vetrata sui tetti di Roma. «Il tempo è stupendo. Facciamo l’intervista in terrazzo», propone Marcello e mi indica un’altra scala per accedere al lastrico solare.

La terrazza è da film. Davanti una cupola barocca che sembra una torta da addentare, dalla strada sale il brusio di Campo de’ Fiori, sul tetto una gabbianella cova le uova sotto l’occhio del consorte pigramente steso tra le tegole. Il terrazzo è parte in ombra, parte al sole che picchia. Veneziani, perseguendo nella sua strategia di annichilimento, opta per sederci sotto i dardi di Apollo. Lui - fa parte del piano - si è attrezzato per resistere. Innanzitutto, è stra allenato perché è qui che normalmente lavora e infatti è abbronzatissimo. Inoltre, ha dei sofisticati occhialini antisole, tondi a lenti blu, che gli nascondono gli occhi dandomi la sensazione, accentuata dai baffetti, di avere di fronte Zorro con la maschera. Ma ha sbagliato i calcoli: io sto benone, ringalluzzito dalle scale, rinvigorito dal sole, pronto alla pugna.

Ovvio cominciare dalla sua uscita dal Giornale col quale collaborava da anni con successo. Da due mesi, d’accordo con la direzione, non scrive più anche se il contratto scadrà in agosto. "Negli ultimi tempi" spiega, "alcuni articoli venivano respinti senza spiegazioni». «Hai detto che ti hanno fatto fuori perché non sei cortigiano», dico. «Con l’ultimo Berlusconi, prigioniero della Pascale e collaboratrici certi articoli non potevano essere scritti. In passato, invece, avevo fatto critiche che erano state tollerate. In questa fase finale, Berlusconi si è incattivito e si usa spesso a sproposito la parola tradimento. Puoi dirlo a uno che è stato berlusconiano e che si è avvantaggiato con cariche. Non a me che berlusconiano non sono mai stato - senza però essere contro - e che non ho avuto prebende».

Come ti hanno fatto capire che non eri gradito?
"L’amministratore mi ha chiesto di andarmene, accampando lo stato di crisi del giornale. Sappiamo tutti, però, che è il direttore a decidere".

Hai avuto un faccia a faccia con Alessandro Sallusti?
"Sì. Ha mostrato dolore e stupore quando gli ho detto dell’amministratore. Ha dato la colpa a Renzi per la legge che permette il prepensionamento di chi abbia almeno 58 anni (Veneziani ne ha 60, ndr). Penso che il siluramento sia stato deciso dall’editore, Paolo Berlusconi, o nei suoi paraggi. Toccava però a Sallusti decidere chi è strategico e chi no nel Giornale".

I tuoi lettori hanno reagito?
"Valanghe di attestati. Molti hanno scritto al Giornale minacciando di non comprarlo più".

Ma i giochi erano fatti...
"È stato un errore strategico. Meglio una voce dissonante che dà autorevolezza che non la logica del 'meno siamo, meglio stiamo' che sta portando al disastro anche Berlusconi e Fi".

Leggi ancora il Giornale?
"Ho smesso. Non per ritorsione ma per scarso interesse. Leggo il Corsera. Ma da solo è insufficiente e consulto anche Libero, Il Tempo e la Repubblica".

Ci alziamo per sgranchirci e Marcello racconta che è in partenza con la sua compagna per Talamone dove trascorrono sempre sette mesi tra sole, mare e scogli, per tornare a Roma in autunno. "Sei già tanto bruno che alla fine ti cadrà la pelle", dico. "Una muta come per la serpe", sorride

Cosa non ti piace nel tramonto berlusconico?
"La pascalizzazione. Una deriva anarcoide che mette in gioco la famiglia e flirta coi trans. Berlusconi ha smesso di fare politica da quando è stato ingiustamente defenestrato da premier".

E invece di politica che fa?
"Si muove per fatti personali. Sostiene governi che poi abbandona. Stringe il Patto del Nazareno e lo ripudia. Nel partito seleziona gli uomini alla rovescia. Via i degni - gliene saranno rimasti due, tre, tra cui l’ottimo Brunetta - e si circonda di nani e ballerine".

Che può ancora dare il Cav?
"Poteva puntare a un’uscita più maestosa invece di arroccarsi nella difesa patrimoniale del partito. Il minimo era fare una rosa di successori. Oggi, il suo rimanere in campo è un’inutile resistenza poiché passerà comunque alla Storia, tra i sette, otto dell’era repubblicana che hanno contato".

Voterai Matteo Salvini?
"No, per ragioni geo etniche: sono inguaribilmente meridionale (pugliese, ndr). Anche se Salvini ha temi condivisibili. Però, non mi fido del suo improvviso passaggio dalla Padania all’Italia".

Chi voti allora?
"Trovo in Giorgia Meloni qualcosa di più familiare. Ma l’alternativa che mi tenta di più, è il non voto".

Il politico che più incarna la tua idea di destra?
"Un puzzle di varie figure. De Gaulle, anche se non gli perdono la condanna a morte di Robert Brasillach (fucilato nel 1945 come “collaborazionista”, ndr). Ragazzo, mi riconoscevo in Giorgio Almirante. Mi appassionò il progetto di Pino Rauti di sfondare a sinistra. Poi, mi sono ritirato in clandestinità e da lì ho visto Bettino Craxi come il migliore politico degli ultimi trent’anni".

'Io sono rappresentativo di un’area di opinione', hai detto di te. Una vanitosa autoinvestitura?
(ride). "Ricevo centinaia di messaggi in cui mi dicono: 'Lei difende la mia stessa idea di tradizione italiana'. Un segmento di società mi segue. Ma io voglio solo lettori. Non fare politica per la quale non ho attitudine".

Ti consideri 'intellettuale di area', come a sinistra ci sono gli 'intellettuali organici'?
"Organico è chi ha un ruolo nei partiti. Io ho camminato in solitudine. L’unica parentesi politica - consigliere Rai per il centrodestra - è quella di cui sono più pentito. Ho presentato tante proposte, mai accolte. Idee mie, mai portatore di idee altrui. Se organico è chi precede e non chi segue, allora sono organico a una certa area culturale".

Di te hai detto: 'A destra non mi perdonano di essere un intellettuale, gli intellettuali non mi perdonano di essere di destra'.
"Ho aggiunto. 'A sinistra sono settari e leggono solo libri di sinistra. A destra sono più equilibrati e non leggono né libri di destra, né di sinistra'".

I tuoi spiriti più affini?
"A destra, ciascuno pensa di essere caso a parte. Inimmaginabile un partito di intellettuali, come l’azionismo a sinistra. Comunque, mi sento vicino a Franco Cardini, Pietrangelo Buttafuoco, Domenico Fisichella. Se poi considero la mia biblioteca ideale, direi Platone, Plotino...".

Tutankhamon, Nefertiti...
"D’accordo. Passo al ’900, dopo Nietzsche: Paul Valery, Simone Weil, Julius Evola, sulla cui opera mi sono laureato, Augusto Del Noce, col quale ho avuto un rapporto personale".

La minaccia islamica?
"Mi preoccupa unita al nichilismo occidentale. Abbiamo un nemico esterno, che è l’Isis. E quello interno: il vergognarci della nostra civiltà e l’essere tolleranti con le religioni altrui e intolleranti con la nostra".

L’Italia condannata per tortura.
"Follia. Ci impongono di introdurre il reato di tortura quando già puniamo le violenze e difendiamo i diritti umani. È pleonastico. Noi siamo cialtroni, non aguzzini".

Siamo tra i Paesi più corrotti.
"Perché da noi, onesto e ladro pari sono. Se il merito non è premiato, tana libera a tutti. Per dirla con Goldoni, se la casa brucia voglio scaldarmi anch’io".

Il nostro peggior difetto?
"La cialtroneria. Prendiamo, Schettino e il pilota Lubitz. Il tedesco estende al mondo la sua disperazione e si uccide trascinando gli altri con sé. L’altro affonda la nave e salva se stesso".

Ripensando alla nostra storia, qual è la tua Italia?
"Credo più alla civiltà italiana, che all’Italia come Stato. Dante è il simbolo dell’Italia. Non Garibaldi che rappresenta il desiderio dell’unità politica".

Conclusione?
"Siamo forti nell’essere civiltà comune. Nello Stato siamo fiacchi".

di Giancarlo Perna

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francesoconforti

    04 Agosto 2015 - 21:09

    manca un progetto, non c'è il tunnel quindi nessuna prospettiva di luce. leggerti, per una della mia generazione, sono del 1927 e facevo parte del Battaglione di Bersaglieri Mussolini, è rivitilizzare la passione e gli ideali coltivati per tutta la vita grazie amio padre sciarpa littorio uomo rigorosamente onesto e per questo un grazie sincero

    Report

    Rispondi

  • andymaga

    31 Maggio 2015 - 18:06

    Caro Veneziani, concordo con tutto quanto sostieni. E' davvero un peccato che Berlusconi non abbia ancora capito che deve mettersi da parte e soprattutto non deve ascoltare quelle mezze calzette di cui si è circondato ultimamente: Verdini, la Rossi, la Pascale che insieme agli esponenti di NCD hanno fatto allontanare molti elettori dai seggi, dove non torneranno finchè non ci sarà un vero ricambio

    Report

    Rispondi

  • arwen

    13 Aprile 2015 - 11:11

    B DEVE mollare xchè, in tutte le cose, c'è un inizio e una fine. B ha avuto la sua grande stagione, il trionfo del 2008 a cui ha fatto seguito, di fatto, un fallimento politico. B nn ha cambiato nulla, nn ha costruito nulla e lascia come eredità un cdx ridotto alle macerie e un csx che, senza l'arcinemico (solo a parole) nn ha nessuna ragione di esistere se nn la foia di potere. E' ora di cambiare

    Report

    Rispondi

  • liliana.cianflone

    13 Aprile 2015 - 07:07

    come al solito ,si parla per ripicca,mettetevi d"accordo,non avete sempre scritto che il cav ascolta tutti e poi decide lui ???che significa PADrONALe,tutti fanno come vogliono ,dicono ciò che pensano,sono gli altri partiti padronali....infatti traditori a non finire ci sono solo in fi......siete tutti dei soloni...perchè non salvate voi l"italia che rischia una novella dittatura ?'''si trova cosi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog