Cerca

Le strategie del leghista

Matteo Salvini: "Elezioni regionali, vi spiego perché mi sono alleato con Silvio Berlusconi"

Matteo Salvini

Matteo Salvini fa il punto in un'intervista al Corriere della Sera. Si parte dalla Puglia: "Adriana Poli Bortone? Va benissimo", taglia corto il leghista, che conferma l'appoggio della Lega Nord alla candidata ufficiale di Silvio Berlusconi: "Pur di mandare a casa i Vendoli e gli Emiliani, che poi sono la stessa cosa, noi siamo d'accordo. Purché - avverte Salvini - non ci siano gli Alfani".

Alternative - Salvini, poi, mostra di avere un progetto a lungo termine. Certo, si pensa alle regionali. Ma si guarda molto più in là: "Il bello di questo momento - spiega - è che noi stiamo costruendo un modello del tutto alternativo a quello di Matteo Renzi. Un modello che cresce, diverso da tutti quelli passati. Il 31 maggio ci saranno le elezioni regionali e amministrative. E dal primo giugno cambia tutto. Il centrodestra ripartirà con basi e prospettive del tutto diverse da quelle che ci sono state fino ad oggi".

Le ragioni - Quando gli si fa notare che in Liguria con Toti e in Puglia con la Poli Bortone la Lega ha fatto una scelta diversa da quella iniziale, Salvini risponde: "Ripeto, se facciamo un accordo in Liguria per mandare a casa Burlando, pur di spedire a casa la sinistra possiamo farlo anche in Puglia". E ancora, sulle ragioni che lo hanno spinto a cementare l'asse con Silvio Berlusconi, aggiunge: "Quando noi dobbiamo fare un passo avanti, lo facciamo. Ma siamo anche capaci di fare il passo indietro. Tutti insieme, e senza confusioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • veneziano49

    15 Aprile 2015 - 20:08

    concordo per il livello regionale e amministrativo ma per le politiche o FI si spinge più a dx (clandestini,flat tax ect) e sul PPE comincia a mettere qualche punto di diversità sempre su migranti,accordo di Dublino, agricoltura...o se no linea con Farage,LePen ect....

    Report

    Rispondi

  • arwen

    13 Aprile 2015 - 16:04

    Promesse..Promesse e ancora altre promesse! Quando sono all'opposizione i politici italiani sono tutti dei fenomeni, poi, quando vengono messi alla prova dei fatti si scopre la irritante realtà, ovvero, che nn sono capaci di far nulla o, peggio, pensano di sfruttare il potere pro domo sua. Matteo (Renzi) quando nn era neanche in Parlamento era un fenomeno, ora eccolo lì, un piccolo democristiano!

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    13 Aprile 2015 - 16:04

    civimar... ma poi lei dice che ci hanno massacrati di tasse per tentare di arginare il debito pubblico?? cito articolo Titolo di REPUBBLICA così qualche ben pensante non ha dubbi: "Debito pubblico: 66 miliardi in più nel 2014!! questi ci hanno massacrati di tasse per mantenere e mantenersi poltrone e prebende!! per infrastrutture fantasma, per fare figure di merda planetarie con L'EXPO ecc.ecc.

    Report

    Rispondi

  • paolo123

    13 Aprile 2015 - 12:12

    Il problema dell'Italia è che i pdioti votano sempre, comunque e chiunque, facendo così renzi non è spronato a pulire la sua politica, gli elettori di dx se la menano sempre su tutto, volete perdere?? NON LAMENTATEVI DOPO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog