Cerca

Crac

Giorgia Meloni e Matteo Salvini verso il divorzio: Puglia e Liguria, le ragioni della rottura

Giorgia Meloni e Matteo Salvini

Due casi paralleli. Uno a nord, l'altro a sud. Liguria e Puglia. Nella prima il duello si consuma attorno al nome di Giovanni Toti. Nella seconda, invece, a quello di Adriana Poli Bortone. Galeotte saranno le regionali, dove le teoriche alleanze sembrano spappolarsi per colpa degli alleati. Già, perché i problemi non sono soltanto tutti interni a Forza Italia. Il punto è che Fratelli d'Italia-An si è nettamente opposta alla Poli Bortone in Puglia e sembra intenzionata a fare altro su Toti in Liguria. Insomma la Meloni dice "no" ai due candidati espressi in ticket da Silvio Berlusconi e Matteo Salvini. Una rottura, dunque, tra Giorgia e la Lega Nord. Il fronte anti-euro, la nuova destra a trazione Salvini-Meloni, pare già impantanata: il divorzio è già in vista?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Placido Olivieri

    14 Aprile 2015 - 17:05

    Giorgia Meloni chi? Quella dei 2.000 €uro della Concordia e dei 3.000 €uro per Antonio Paravia di Fratelli d’Italia. Che è successo? La pontificatrice s'è desta?

    Report

    Rispondi

  • fabrizioberini

    14 Aprile 2015 - 17:05

    Imbarazzante atteggiamento della Meloni che calpesta la coerenza per interessi del tutto individuali finendo addirittura per fare un favore al tanto criticato Alfano. Ormai la coerenza è un valore esclusivo della Lega e del nostro Capitano!

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    14 Aprile 2015 - 16:04

    Un patto, sulla base dello slogan "Renzi vattene", sbagliato fin dall'inizio. Troppo poco, unito al generico atteggiamento anti-europeo (ossia anti-Merkel), per costituire un movimento, inteso ad eliminare Renzi-superstar, con qualche probabilità di successo. Per di più, impari le forze, con Salvini ormai sicuro di una posizione dominante nel centro-destra e disinteressato a sodalizi marginali.

    Report

    Rispondi

  • aranciacasa

    aranciacasa

    14 Aprile 2015 - 16:04

    Che la Meloni non accetti Toti come candidato è cosa meritevole; c'è poi da dire che la Lega del tutto di destra non lo è, basta vedere gli orientamenti degli anni scorsi. L'unità del centrodestra oggi con queste forze ha i piedi d'argilla. Ci vorrebbe una piattaforma comune che oggi non c'è...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog