Cerca

Grana

Scuola, sindacati uniti: "Il 5 maggio sciopero contro la riforma del governo Renzi"

Stefania Giannini

Quasi sette anni dopo l'ultimo sciopero, le sigle della scuola torna a compattarsi. Ad annunciarlo dal palco della manifestazione delle Rsu in corso a piazza SS. Apostoli a Roma sono i sindacati confederali. Martedì 5 maggio, i lavoratori - docenti, Ata (amministrativi, tecnici e ausiliari) e dirigenti scolastici - aderenti a Flc-Cgil, Cisl scuola e Uil scuola, Gilda-Unams, Snals-Confsal scenderanno in piazza contro il disegno di legge sulla Buona scuola, presentato dal governo e in discussione con tempi strettissimi in questi giorni in Parlamento. A questo punto, i Cobas della scuola che manifesteranno il prossimo 24 aprile, potrebbero decidere di revocare la loro protesta e aderire, compattando il fronte sindacale, a quella del 5 maggio. Annunciano l'adesione alla manifestazione anche gli studenti della Uds e della Rete studenti medi. Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, parla di "sciopero legittimo", ma difende la riforma del governo, affermando che "ha principi rivoluzionari. E ancora: "E'una riforma che ha dei principi rivoluzionari dal punto di vista culturale, del metodo e della governance delle scuole. Sono certa - ha concluso - che quando sarà capita fino in fondo da tutti ci sarà un'accettazione ma soprattutto una partecipazione ancora più ampia di quella che abbiamo trovato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    19 Aprile 2015 - 11:11

    Non si può pretendere una buona riforma dalla Giannini perché è un derivato di quell'inetto di Monti.

    Report

    Rispondi

  • laghee

    19 Aprile 2015 - 11:11

    se non va bene ai sindacati, vuol dire che la riforma va bene !!1

    Report

    Rispondi

  • arwen

    19 Aprile 2015 - 10:10

    Ora, probabilmente, Matteo dirà che gli scioperanti nn volgiono cambiare, che sono gufi, retrogradi, che vogliono difendere posizioni di privilegio. Ma la riforma, Matteo, l'ha letta? Questo signore continua a dirci che dobbiamo cambiare, ciarla, promette, minaccia, fa il bullo, ma quando poi leggi cosa vuol fare ti cadono le braccia. Questo della situazione reale del paese nn ne sa un ricco c@@o!

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    19 Aprile 2015 - 08:08

    Ma come fa ad essere ancora ministro questa incapace, squallida arrampicatrice sociale? Scelta Civica è un partito di dementi nato dalle ceneri di un governo (Monti) che ha ucciso molti italiani. Si vergognino e si dimettano, finché possono.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog