Cerca

L'affondo

Silvio Berlusconi: "Matteo Renzi è malato di bulimia di potere"

Silvio Berlusconi

Sono lontanissimi i giorni del Patto del Nazareno. Nel momento di massima convulsione all'interno del Pd sull'Italicum, con lo scontro sempre più violento tra minoranza e premier, contro Matteo Renzi entra a gamba tesa anche Silvio Berlusconi. "Questo governo ha fallito", esordisce il Cav nel corso della riunione del gruppo di Forza Italia, sottolineando poi come tutti gli indicatori economici siano peggiorati. E ancora: "Hanno fallito sull'economia, sulla politica estera, sulla disoccupazione, sull'immigrazione. Avevamo ragione noi su tutto, sulla Libia, sull'immigrazione e sulla Russia". Poi, appunto, si passa all'Italicum, la riforma elettorale che ha ricevuto oggi il primo sì della Camera e che sarà in Aula da lunedì. Per Berlusconi si tratta di "una legge autoritaria". Proprio come il premier, che governa "senza avere i numeri". Il leader di Forza Italia poi ci va giù durissimo: "Non possiamo consentire a Renzi di prendere il potere totale con il 30% dei voti attraverso una legge che di fatto con lo sbarramento al 3% polverizza l'opposizione". E ancora: "Noi avevamo proposto l'elezione diretta, almeno chi vince è legittimato dal popolo e ci sarebbero solo due partiti. Renzi - conclude, durissimo - è malato di bulimia di potere". Berlusconi ha ribadito come l'Italia sia "un Paese a democrazia sospesa. Siamo al terzo governo non eletto". Infine, ha concluso: "Forza Italia c'è. Noi siamo ancora qui e faremo il partito repubblicano sul modello americano, il partito dei moderati".

"Temo attentati" - Il premier poi ha aggiunto: "Farò campagna elettorale per le Regionali, ma andrò solo in televisione e in comizi e iniziative al chiuso, non in luoghi aperti perché temo che qualcuno possa attentare alla mia incolumità, alla mia vita". Una confessione inquietante, quella di Berlusconi, che ha poi assicurato che tornerà in campo in tutto e per tutto solo quando il clima nei suoi confronti cambierà, ovvero "solo quando mi verrà restituita la mia piena dignità". Il leader di Forza Italia ha concluso: "Quello a cui sono stato sottoposto io, una vera e propria persecuzione, nessuno può neanche immaginarlo". L'ex premier, comunque, ha ribadito di avere "fiducia nella Corte di Strasburgo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    23 Aprile 2015 - 17:05

    Povero ometto che non si rassegna alla demenza senile .....

    Report

    Rispondi

  • lonato47

    23 Aprile 2015 - 12:12

    Lui no! A quasi ottanta anni, dopo aver perso quasi tutti i consensi, distrugge FI ma non schioda il culo flaccido dalla sedia. Almeno ha od aveva un'altra bella malattia : la fighite.

    Report

    Rispondi

  • kufu

    23 Aprile 2015 - 09:09

    Nessun altri meglio di lui avrebbe potuto affermarlo

    Report

    Rispondi

  • bernardroby

    23 Aprile 2015 - 06:06

    Il bue che dice all'asino cornuto ! Pur comprendendo ed essendo solidale con Berlusconi , per le sue persecuzioni con la giustizia , credo sia difficile fare peggio di lui politicamente parlando . Se aveva ragione su Libia ed altro , perche non si e opposto ? Bisogna fare i duri , dove serve , non dove fa comodo . Quanto alla sicurezza ,palle, si sta solo preparando la motivazione x la sconfitta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog