Cerca

Dietro le quinte

Italicum, le voci sulla proposta indecente di Matteo Renzi alla minoranza: un seggio in cambio del "sì" alla riforma

Matteo Renzi

Si avvicina l'atto finale, il voto di fiducia sull'Italicum, chiesto in una giornata convulsa scandita dai litigi, dagli insulti e strappi (all'interno del Pd). E se la minoranza del partito, capeggiata dai furiosi Pier Luigi Bersani ed Enrico Letta, crede di poter mettere in difficoltà Matteo Renzi con il voto segreto, c'è chi sostiene che, al contrario, sia proprio il voto segreto a poter favorire il premier. Da par loro, Bersani, Letta, Speranza & Co. hanno annunciato che, semplicemente, non prenderanno parte al voto. Ma il punto è un altro. Il punto riguarda alcune voci su un presunto "premio fedeltà" offerto ai bersaniani e a quelli che osteggiano il testo proposto dalla premiata ditta-Renzi-Boschi. Quale premio? Semplice: tu mi voti l'Italicum, io ti garantisco il seggio alla prossima legislatura. Un brutto sospetto avantzato da Il Giorno, che mette in evidenza, inoltre, come proprio il voto segreto sugli articoli della riforma possa favorire l'uomo da Rignano sull'Arno (il voto, poiché segreto, non comprometterebbe chi, dalla minoranza, dopo aver promesso guerra alla legge potrebbe finire per votarla). Renzi, insomma, pur di far approvare la sua riforma sarebbe pronto a tutto, o quasi. O quantomeno sarebbe pronto ad offrire delle poltrone. I dissidenti, inutile negarlo, sono preoccupati dalla fine della legislatura minacciata dal premier in caso di "no" all'Italicum: se si tornasse al voto (Sergio Mattarella permettendo) le liste le farebbero Renzi e i suoi. E per chi si è opposto alla riforma - facendo cadere il governo, almeno dal punto di vista del premier - non ci sarebbe più spazio. Ed è dunque in questo contesto che si fanno strada le voci sulla "proposta". Un'ipotesi, come detto, avanzata da Il Giorno, che cita alcune testimonianze di "bersaniani di ferro" (che hanno scelto l'anonimato), i quali avrebbero raccontato di aver rispedito il "premio fedeltà" al mittente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • photo

    29 Aprile 2015 - 17:05

    Sento parlare tanto, ma questa volta sono con Renzi. Per decenni siamo rimasti fermi per accontentare tutti e non perdere mai la poltrona. Ora lui vuole fare una cosa (buona o sbagliata spetta al singolo deciderlo) o se ne và a casa. Cosa c'è di sbagliato nel metodo?

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    29 Aprile 2015 - 15:03

    Renzi è solo un buffone che ancora gode di eccessiva credibilità .

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    29 Aprile 2015 - 14:02

    Da un pò si parla di dignità, di morale nel e del PD. Ma almeno sapete di cosa state parlando ? Mi sembra proprio di no, nel dna di questa gente ci sono due soli due cromosomi : la loctite per la cadrega e il rubare. Da ciò si può dedurre che parlare di dignità e morale non è che blasfemo.

    Report

    Rispondi

  • TOCAI

    29 Aprile 2015 - 14:02

    Ammettiamo pure che la minoranza DEM voti l' Italicum in cambio di alcuni seggi, pensate proprio che il Pinocchio mantenga la promessa ? Abbiamo visto come si è comportato e per questo motivo la minoranza proprio non si fida. @non stiamo sereni e usciremo dall'aula ! Caro Pinocchio, cazzi tuoi !

    Report

    Rispondi

    • Bolinastretta

      29 Aprile 2015 - 15:03

      ....e sai che je frega a lui che comunque ha posto la -FIDUCIA- siete in 4 gatti e lui lo sa!!!!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog