Cerca

Il futuro incerto

Silvio Berlusconi vuole fare il Partito Repubblicano e dal 1 giugno Forza Italia chiude

Silvio Berlusconi vuole fare il Partito Repubblicano e dal 1 giugno Forza Italia chiude

La data del 31 maggio, giorno del voto, si avvicina inesorabile e con lei aumenta incontrollata l'ansia mista a panico tra i parlamentari di Forza Italia. Quella che circola da un po' di tempo come una voce su cosa farà Silvio Berlusconi del suo partito dopo le elezioni Regionali, oggi si sta trasformando in solida certezza: si chiude. L'allarme è scattato mercoledì 29 aprile, quando a Palazzo Grazioli si è riunito l'ufficio di Presidenza guidato dalla tesoriera azzurra Mariarosaria Rossi. Sul tavolo c'era la definizione delle liste nelle sette regioni chiamate al voto, ma l'assenza del Cavaliere ha dato a più di uno il messaggio chiaro che la Rossi fosse lì come liquidatore più che coordinatore.

Il futuro - Berlusconi tra aprile e maggio ha intenzione di chiudere le trattative su Mediaset e Milan. Due dei pilastri dell'impero berlusconiano potrebbero passare di mano, mantenendo in parte la gestione nelle mani di famiglia, lasciando così il Cavaliere libero di lanciare un nuovo progetto politico, magari che lo impegni meno sul territorio e più sui massimi sistemi. Ai capannelli dei parlamentari azzurri in agitazione, Repubblica racconta che sia stato Ignazio La Russa ad avvicinarsi e chiarire con un'analisi confermata dall'evoluzione dei fatti: "Silvio vuole lavorare per unire il centrodestra, federarlo, al più fare il padre nobile, una sorta di leader esterno".

La novità - Una cosa è certa e la dice senza giri di parole Daniela Santanché: "Dal primo giugno Forza Italia non ci sarà più". Cosa accadrà dopo è tutto nella testa di Berlusconi e qualcosa sembra trapelare, ancora un po' vaga nel merito, ma limpida nella direzione. L'ispirazione potrebbe arrivare dagli Stati Uniti, da cui si sarebbero - a modo loro - già ispirati gli ex comunisti e democristiani di sinistra con il Pd - e cioè creare una Partito Repubblicano in Italia. Che poi si possa chiamare così o in un altro modo è tutto da scoprire, ma non si dovrà attendere troppo secondo Augusto Minzolini che anticipa come Berlusconi sia: "imprevedibile, ma se avesse voluto mollare, non avrebbe rotto con Renzi sull'Italicum. Quando la legge elettorale tornerà al Senato per la verifica, lì si capiranno le reali reazioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fra.schi

    05 Maggio 2015 - 19:07

    Concordi con Berlusconi. Vorrei solo due schieramenti in Italia, uno di sinistra e uno di destra. Via tutti i partitini.

    Report

    Rispondi

  • gangisalvo38

    03 Maggio 2015 - 20:08

    in Italia tutto cambia x fare nulla il gattoppardo è nel DNA dei politici, sono solo chiacchiere e nullità nei discorsi politici x rimanere a galla,,, poveri noi italiani sempre ne caos e non si vede un futuro x i giovani e occupanti del momento,, la disoccupazione aumenta, il mal contento anche,, il futuro incerto

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      05 Maggio 2015 - 12:12

      invece di dare sempre la colpa ad altri, se non ti piaciono, perché non ti candidi tu,? ti iscrivi ad un Prtito, o ne fondi uno, e concorri alle elezioni. Così, se vincerai, farai come piace a te.

      Report

      Rispondi

  • imahfu

    02 Maggio 2015 - 23:11

    Berlusconi si impegnerebbe di più sui massimi sistemi? Ma allora giuoca anche lui al Totocaz.. ? Quale altro massimo sistema ha? Ormai è un patito del viagra. Pensate chi ci ha governato ... ecco la gravità della crisi. Ora c'è crisi di escort & C:

    Report

    Rispondi

  • fossog

    02 Maggio 2015 - 14:02

    quest'uomo, Apre e Chiude Cose PUBBLICHE che han bisogno del Consenso delle Persone, come fossero cose Sue. UN' ARROGANZA IMMANE, CONSIDERATO CHE ASSUME LADRI E POI NON SODDISFATTO NE CACCIA UN PO', ma solo un pò, E POI richiude.... MA DAVVERO C'E' ANCORA CHI PERDE TEMPO CON BERLUSCONI ? rifare il centroDx è possibile CON LE MIGLIAIA DI PERSONE CAPACI e CIVILI ESISTENTI, Basta con i FALLITI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog