Cerca

Cifre amare

Matteo Renzi, Ipr Marketing: crollo verticale della fiducia nel premier

Matteo Renzi

Certo, resta comunque alta la fiducia di cui gode Matteo Renzi. Ma nelle ultime settimane il crollo del gradimento è stato verticale. Le cifre le snocciola il direttore di Ipr Marketing, Antonio Noto, su Il Giorno, dove mette in evidenza come il premier goda oggi del 45% dell'apprezzamento tra gli italiani, contro il 54% di pochi mesi fa. Le ragioni del calo sono in primis dovute ai contrasti con l'ala sinistra del suo partito, che determina un distaccamento dell'elettorato più vicino all'area che fa riferimento a Pier Luigi Bersani & Co. Secondo Noto, a garantire una relativa tranquillità al premier c'è la mancanza di competitori: Matteo Salvini nelle ultime settimane ha visto frenare la sua crescita (gode di una fiducia al 24%), Beppe Grillo non va oltre il 20% e la stella di Silvio Berlusconi è assai appannata. Manca dunque un reale "competitor" che possa cambiare le carte in tavola. Ma anche in questo contesto, secondo Noto, Renzi non può dormire sonni tranquilli. Infatti spiega: "Gli esercizi tattici per gestire le lacerazioni interne al Pd e alla sua galassia sociale di riferimento potrebbero mostrare la corda. La strategia del conflitto permanente potrebbe rivelarsi miope, così come i segnali di ripresa del Paese sono troppo deboli. Uno scenario da gufi", taglia corto parafrasando le parole del premier.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    12 Maggio 2015 - 14:02

    Certo che se continua a colpire la classe media-(pensionati compresi)ne perdera' di voti

    Report

    Rispondi

  • daniele iannone

    11 Maggio 2015 - 15:03

    Chi si contenta gode.....

    Report

    Rispondi

  • ilparallelo

    11 Maggio 2015 - 10:10

    Il sondaggio su 5 stelle si dovrebbe fare su Di Maio o su Di Battista. Non su Grillo

    Report

    Rispondi

    • Giulia Piacentini

      11 Maggio 2015 - 20:08

      Hai perfettamente ragione più su Di Maio che Di Battista.Di Maio è più coerente e serio.

      Report

      Rispondi

  • gregio52

    11 Maggio 2015 - 09:09

    Gli Italiani non sentono ancora l'infiammazione a posteriori ma provano solo godimento a prenderlo nel c... . Quando il prossimo stadio sarà quello del dolore forse ci sarà qualche timida reazione, ma non pensate a qualcosa di forte. Sarà quando non avranno più niente e non potranno tornare in dietro che avverrà il miracolo. Ma quale miracolo ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog