Cerca

Terremoti in vista

Regionali, il sondaggio segreto di Matteo Renzi: Liguria, Giovanni Toti ha raggiunto Raffaella Paita

Regionali, il sondaggio segreto di Matteo Renzi: Liguria, Giovanni Toti ha raggiunto Raffaella Paita

I vertici del Pd si sono mostrati soddisfatti per l'esito del voto in Trentino Alto Adige. Ma in verità, al Nazareno, quartier generale democratico, è suonato l'allarme. Il punto è che come dimostrano molti recenti sondaggi, l'entusiasmo suscitato da Matteo Renzi si sta man mano spegnendo. L'onda lunga iniziata alle Europee del 2014 sembra essersi spenta. Il 40% oggi sembra una chimera. Il dato emerge osservando i numeri: ad Aosta, per esempio, il Pd ha perso circa 20 punti percentuali, e cifre simile le ha lasciate sul campo a Bolzano. Certo, la presenza delle liste civiche può aver inciso, ma non con simili proporzioni. Il dato, dunque, allarma - eccome - in vista delle Regionali, che si terranno tra 20 giorni.

Pareggio - E sulla scrivania di Renzi, secondo quanto rivela Affaritaliani.it, sarebbe planato un sondaggio che altro non avrebbe fatto che acuire i suoi timori. Si parla della Liguria, dove Raffaella Paita si gioca la poltrona da governatore con Giovanni Toti. Sembrava una partita già vinta, per il Pd, ma l'ultimo sondaggio (segreto) fa paura (a Renzi): la rimonta sarebbe impetuosa, e anzi compiuta. Già, Toti e la Paita, ad oggi, sarebbero pari. Una rimonta inattesa, quella del consigliere politico di Forza Italia. Una sconfitta in Liguria, per Renzi, sarebbe un boccone amarissimo (e non è certo un caso che abbia recentemente attaccato la "sinistra masochista che perde in Liguria").

Dubbi - E altre cattive notizie arrivano da altre regioni. Il Veneto, per esempio, dove Luca Zaia, il leghista uscente, allargherebbe il vantaggio su Alessandra Moretti. E se Toscana e Marche sembrano due vittorie sicure, altri dubbi arrivano dalle Umbre, dove il centrodestra corre unito e potrebbe soffiare la poltrona a Renzi e compagni. Infine la Campania, dove l'incertezza regna sovrana: Stefano Caldoro, però, sarebbe leggermente davanti al democratico Vincenzo De Luca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    28 Maggio 2015 - 18:06

    Pian piano gli italiani stanno capendo lo spessore del personaggio Renzi, tutto fumo e niente arrosto, solo anninci, slide, chiacchiere e distintivo. Nonostante il narcotico che esce dagli schermi tv ogni giorno (rai news, rai uno-due e tre, la 7 ed aggiungo anche canale 5), gli italiani si stanno svegliando dal torpore degli 80 euro. Ed anche i sinistroidi puri se ne sono accorti.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    14 Maggio 2015 - 11:11

    Mi sembra strano che in una regione rossa da 70 anni vinca una formazione estranea all'ideologia comunista.I miei corregionali sono rossi dal 1945.Che Fitto sia alla pari della Paita non ci credo,è una bufala.La il comunismo anni 50/60 non è MAI stato estirpato dalle teste dei liguri(giovani compresi).Se mai ci riuscirà sarò il piu grande miracolo di Berlusconi.

    Report

    Rispondi

    • pastello

      14 Maggio 2015 - 19:07

      Rossi dal 45, e prima?

      Report

      Rispondi

  • vincenzocampana30

    14 Maggio 2015 - 08:08

    Giovanni Toti è forte e vincerà in Liguria! Come sempre Silvio ha scelto bene! Complkimenti.

    Report

    Rispondi

  • routier

    14 Maggio 2015 - 07:07

    Fin che il voto sarà ideologico anziché basato sulla valutazione personale del candidato, le cose non potranno che peggiorare. Spero che i miei connazionali ne tengano conto e agiscano di conseguenza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog