Cerca

Annunci importanti

Matteo Renzi: "Se in Campania vincerà Vincenzo De Luca il Pil crescerà tra lo 0,5% e l'1%"

Matteo Renzi: "Se in Campania vincerà Vincenzo De Luca il Pil crescerà tra lo 0,5% e l'1%"

Secondo Matteo Renzi la soluzione a tutti i problemi dell’Italia arriva dal Mezzogiorno. Nello specifico da Salerno. Infatti “se la Campania nei prossimi cinque anni sarà amministrata come Salerno, il Pil del nostro Paese crescerà tra lo 0,5 e l’1%". E' quanto ha detto il presidente del Consiglio durante un incontro del Pd a Salerno, a sostegno della candidatura di Vincenzo De Luca alle regionali della Campania.

L'Italia come Salerno - Renzi ha preso chiaramente posizione dopo le perplessità circa la presentabilità di De Luca per una sua condanna per abuso d'ufficio. Il premier ora non ha più dubbi: “Sono qui per dire con chiarezza che i prossimi dieci giorni saranno di impegno totale del Pd perché vinca Vincenzo". Non ha usato mezzi termini, in questi "dieci giorni si decidono i prossimi cinque anni" perché "senza la Campania, senza il Sud, l’Italia non cresce". E la medicina da usare per guarire il paese e per far crescere il Pil di quel famoso punto percentuale è l’esperienza della Salerno di De Luca, a partire dai rifiuti: "L'espressione Terra dei Fuochi alla fine di questa legislatura dovrà appartenere al passato. Salerno dimostra che si può gestire il ciclo dei rifiuti facendo entrare le idee e lasciando fuori la camorra".

Problemi di ineleggibilità – L'appoggio di Renzi è fondamentale per ripulire l’immagine di De Luca dopo la decadenza dalla carica di sindaco di Salerno per la condanna a un anno di reclusione per abuso di ufficio. La sentenza, emessa dal Tribunale della città e confermata in appello, aveva ritenuto incompatibili i due incarichi ricoperti da De Luca come sindaco e viceministro alle Infrastrutture durante il governo Letta. Le parole del candidato alle regionali sono quindi state di ringraziamento per la presa di posizione così forte del premier: "Devo ringraziare Renzi per il coraggio e per la fiducia che mi ha dato in un momento difficile. Sento la responsabilità di dover riprendere in mano il destino di questa regione sintonizzandoci con lo sforzo che Matteo Renzi sta facendo nel Paese".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • salvapo

    27 Maggio 2015 - 18:06

    Ma che storonzate vuol farci credere questo venditore ambulante. Ma ha dato un'occhiata al bilancio del comune. Se la gestione finanziaria dell'Italia sarà come quella adottata dall'impresentabile,toccheremo veramente il fondo.Altro che Grecia. Aliquote più alte d'Italia.sprechi senza freni , debiti da capogiro e lavori faraonici mai conclusi.

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    23 Maggio 2015 - 08:08

    lo sforzo di renzi e' di raccontare balle tutti i giorni . ormai non sa piu' cosa dire tra le promesse non mantenute e le balle a cui neanche lui crede e' da ricoverare d'urgenza .

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    22 Maggio 2015 - 21:09

    ma come, non è quello incandidabile per effetto della Severino in quanto condannato in via definitiva? Quindi il pil salirebbe perchè non potrà assumere l'incarico,

    Report

    Rispondi

  • dodo1861int

    22 Maggio 2015 - 20:08

    puoi buggerare i tuoi ma a noi non ci racconti che Cristo e' morto dal sonno, idiota..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog