Cerca

Lo scontro

Partito Repubblicano, Silvio Berlusconi contro Salvini: "La destra non governa". Il leghista: "Erede con primarie, no a dinastie"

Partito Repubblicano, Silvio Berlusconi contro Salvini: "La destra non governa". Il leghista: "Erede con primarie, no a dinastie"

Salvini avverte Berlusconi: il Partito Repubblicano è una partita che andrà giocata non solo nel campo di Forza Italia, ma anche in quello della Lega Nord. E non potrà avere un vincitore calato dall'alto. Nel centrodestra si torna a parlare di primarie di coalizione, nonostante Silvio Berlusconi un paio di giorni fa abbia chiarito che il leader non può emergere così. Non ne è convinto Matteo Salvini, che infatti attacca: "Basta dinastie, non sei Regina Elisabetta, scelgano i cittadini". Il problema è che finora il futuro Partito Repubblicano resta una diretta emanazione di Forza Italia, allargata verso il centro sì ma non verso destra. Non a caso è stato lo stesso Cavaliere, dalla Campania, a lanciare una velenosa offensiva contro il Carroccio e il suo segretario: "In tutti i Paesi europei non è con una destra provocatoria che si riesce a catturare il consenso per governare". Messaggio forte e chiaro, colto non a caso da un esponente di spicco di Ncd come Gaetano Quagliariello, secondo il quale nel centrodestra di futuro "non c'è spazio per Salvini".

La fase di transizione: i coordinatori - In attesa di capire come si delineeranno i rapporti di forza (in mezzo ci saranno le elezioni regionali, banco di prova non da poco), Berlusconi sta già pensando alla transizione da Forza Italia al nuovo soggetto politico. "Dividerò il partito in tre grandi aree, Nord, Centro e Sud - annuncia da Napoli l'ex premier -, ognuno con un suo coordinatore, io sovrintenderò il tutto". E' Repubblica a lanciare il toto-nomi: al Nord se la giocano il candidato governatore della Liguria Giovanni Toti e la più giovane Lara Comi, al centro potrebbe essere partita a due tra la fedelissima Maria Rosaria Rossi o Antonio Tajani, nome storico di Forza Italia, mentre al Sud tutto porta a Mara Carfagna, che molti danno tra i nomi più spendibili anche in chiave di leadership generale. Salvini permettendo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oenne

    24 Maggio 2015 - 00:12

    Rocky Leone- anche tu non hai capito"" unu cazzu_""_!! _ ma !!_hai ragione tu insignificante nullità _ lascia perdere le protuberanze della rossi ..... ok__ ma !!!!! ALLORA parlaci di tua moglie......

    Report

    Rispondi

  • oenne

    24 Maggio 2015 - 00:12

    salvini é un nulla difronte a BERLUSCONI __ il suo nome lo identifiga _ come sal __ vini

    Report

    Rispondi

  • ceccopeppe1940

    23 Maggio 2015 - 21:09

    Ma chi lo vota piu',ha distrutto la dx e continua ha rimanere in campo ostacolando una possibile ripresa dell'area. La politica non un programma TV.In qualunque paese sarebbe gia' stato cacciato a pedate. Non parliamo di Alfano che è peggio del peggio.Un'altro pasticcio di B. Voteremo in massa per Salvini,vedrete che valanga.

    Report

    Rispondi

  • itas50

    23 Maggio 2015 - 15:03

    Un nuovo partito repubblicano , che parte con diverse delle vecchie figure politiche di Forza Italia, è un partito perdente in partenza, se lo voterà solo Berlusconi e pochi altri ..... Ha ragione Salvini !!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog