Cerca

Il retroscena

Rosy Bindi, la lista degli impresentabili alla Regionali

Rosy Bindi

Vista da Benny

E' stata un riunione ad altissima tensione quella che si è svolta ieri a Palazzo San Macuto. Molti retroscenisti scrivono che le urla del presidente della Commissione rimbalzavano nei corridoi al quarto piano. La  Commissione ha litigato sulla opportunità di diffondere immediatamente i nomi degli "impresentabili". Rosy Bindi avrebbe preferito aspettare che il dossier fosse completo invece i primi nomi dei candidati pugliesi "messi all'indice" sono stati resi subito noti. Si tratta di Fabio Ladisa è in corsa con i Popolari per Emiliano e il candidato presidente chiede che l' aspirante consigliere ritiri la candidatura. Giovanni Copertino figura nella lista di Forza Italia, Poli Bortone presidente. Massimiliano Oggiano gareggia per Schittulli nella lista Oltre con Fitto. Ed Enzo Palmisano, di Area popolare, è nel Movimento politico per Schittulli. La riunione che la presidente aveva voluto a porte chiuse e a telecamere interne spente ha avuto toni accesissimi soprattutto quando i nomi sono appartsi sul Corriere.it. Lei avrebbe voluto annunciarli tutti insieme. Oggi Repubblica ha diffuso i nomi di chi rischia in Campania.  L'unico nome campano che compare nell' elenco degli impresentabili è quello di Antonio Scalzone, rinviato a giudizio per reati associativi e candidato nella circoscrizione di Caserta nella lista "Popolari per l' Italia" che sostiene Caldoro.  Quest'ultimo aveva già scelto di ritirarsi. 

I nomi in attesa....Ma ci sono altri nomi che aspettano di sapere se sono nella "lista nera" o no. Secondo Repubblica sono quelli di Tommaso Barbato, ex Udeur (ora con De Luca), che sarebbe indagato per voto di scambio Antonio Amente, ex sindaco di Melito, proveniente dalle fila di Forza Italia, ora nella lista "Campania in rete" che sostiene De Luca (il suo nome era comparso in una indagine del 2011 insieme ad altri 289 indagati  chiamati in causa da alcuni pentiti. "Assolto dalla Cassazione perché il fatto non costituisce reato il vicepresidente del Consiglio regionale Biagio Iacolare, Udc (finito qualche mese fa nel mirino della Dda di Napoli nell' ambito di un' inchiesta che vede coinvolti, tra gli altri, i titolari e fondatori della Sime costruzioni, in carcere in quanto ritenuti affiliati al clan Polverino. Enricomaria Natale (Campania in Rete per De Luca).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frankgrassi

    28 Maggio 2015 - 20:08

    I veri impresentabili sono i partiti o pezzi di essi e soprattutto il loro ormai obsoleto sistema di ricerca di consenso. Dobbiamo cambiare caro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella altrimenti sprofondiamo .. .Renzi .!!!.. occorre ristrutturare il sistema partitico e della rappresentanza http://economicsandpolicy.blogspot.it/2012/06/i-partiti-non-sembrano-garantire-piu-la.html

    Report

    Rispondi

  • a.fer

    28 Maggio 2015 - 13:01

    impresentabili lo sono tutti....bisogna vuotare il parlamento!

    Report

    Rispondi

  • tontolomeo baschetti

    27 Maggio 2015 - 17:05

    allianz - Se vanno, subentrano tipi come Berlusconi e soci .... sai la differenza.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    27 Maggio 2015 - 14:02

    Il personaggio più INUTILE della repubblica..Prima democristiana di ferro poi comunista DOC...Da 40 anni scalda la poltrona rubando lo stipendio a fine mese.Questa è la politica dei dinosauri.Andarsene...no?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog