Cerca

L'inchiesta

Sicilia, compravendita voti alle reginali 2012: 5 arresti

Sicilia, compravendita voti alle reginali 2012: 5 arresti

I finanzieri del nucleo speciale di polizia valutaria di Palermo hanno eseguito 5 ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari emesse dal gip presso il tribunale di Palermo nei confronti di soggetti accusati, a vario titolo, di aver promesso o ricevuto denaro o altre utilità in cambio di voti, per sè o per altri, nell’ambito delle elezioni del 2012 per il rinnovo del Consiglio comunale di Palermo e dell’Assemblea regionale siciliana. Tra i cinque destinatari delle misure cautelari ci sono anche due deputati dell’Assemblea regionale siciliana: Nino Dina, presidente della commissione Bilancio, e Roberto Clemente, componente della stessa commissione. Il terzo arrestato è un ex deputato, il quarto un finanziere.  
cinque sono tutti agli arresti domiciliari.

Sindaco indignato - "Quanto accade in Sicilia è una vergogna. Anche questo spiega le dimensione dello stato di emergenza istituzionale che sta vivendo la Sicilia". Lo ha detto il sindaco di Palermo e presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando, a Sky Tg24, dopo l’arresto di cinque persone, tra cui due deputati dell’Ars, per voto di scambio in relazione alle elezioni del 2012. Dai rifiuti, alla crisi finanziaria dei Comuni sino alla flop della riforma delle province "servita solo a commissariarle: elementi che sono la dimostrazione della grande difficoltà che viviamo. C’è da chiedersi se abbia ancora un senso l’autonomia speciale, considerato che è stata finora utilizzata per non fare le riforme, mentre non è stato impedito che gruppi criminali agissero". 

"Non bisogna assolutamente  criminalizzare tutta la classe politica. Sarebbe un errore". Lo ha detto all’Adnkronos il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta parlando dell’arresto dei deputati siciliani. Ovviamente, come tutti quanti, non conosco i dettagli di una operazione che apprendo solo ora dalle agenzie di stampa. Credo comunque che se la magistratura ha adottato provvedimenti così severi lo abbia fatto in possesso di prove. Noi abbiamo allontanato diverse persone dalla macchina burocratica e pure dall’ex bacino dei Pip. Non è compito della politica giudicare e individuare responsabilità penali ma della magistratura. Non fare l’errore di criminalizzare intere forze politiche o qualunquisticamente tutta la politica. Le responsabilità sono individuali e per esse si risponde davanti ai giudici. Il metodo blindato che ho adottato fin dall’inizio mette al riparo da devianze individuali, in Sicilia anche la politica sta cominciando a cambiare"- 
.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wonderman

    30 Maggio 2015 - 23:11

    Questo è il risultato della regione a statuto speciale con elezione dei candidati con le tanto decantate libere preferenze !!! Adesso Crocetta verrà in TV con il Suo Rosario di palle a raccontarci che occorrono ancora 15.000 forestali per la piantumazione dei terreni mafiosi per la riduzione della CO2!!!!!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    28 Maggio 2015 - 08:08

    sono terroni o sbaglio? Si sapeva da sempre che con il governatore o padrone della trinacria, le cose sarebbero andate in questa maniera. La Regione è una mangiatoia infinita, specialmente in terronia, privilegi per tutti i discendenti fino alla decima e oltre discendenza. Volevate che non cercassero qualche aiutino? Siate seri, forse qualcuno credeva alla legalità? Forse il sardegnolo di ostiamo

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      28 Maggio 2015 - 15:03

      Ventimiglia: voto di scambio, 6 indagati tra cui Galardini e Spinella di FI; L’ex assessore comunale di Torgnon (AO) è accusato di aver comprato voti; Monza, ex assessore Antonicelli, accusato di voto di scambio con la 'ndrangheta; Domenico Zambetti, l’assessore della Regione Lombardia arrestato per voto di scambio; Diano Marina, rinviati a giudizio Chiappori, Garibaldi, Bregolin. Manca lo spazio

      Report

      Rispondi

  • Garrotato

    27 Maggio 2015 - 23:11

    L'ho sempre detto, io. Converrebbe regalare la Sicilia all' Egitto. Forse un certo Al Sisi metterebbe in riga anche i picciotti, come ha sistemato i fratelli musulmani. Potrebbe tenersi, credo, anche due picciotti pregiati di nome Alfano e Mattarella: per quel che servono...

    Report

    Rispondi

  • Maddalenamaria

    27 Maggio 2015 - 16:04

    Sono siciliana e chiedo ai miei conterranei ma quando avete votato crocetta eravate tutti convinti o forse questo g....vi aveva promesso un futuro d'oro. Ci ha svenduti all'Africa facendo da ponte levatoio per i terroristi e oltre a rimanere senza lavoro non possiamo neanche lavorare con il turismo. In piu l'Europa di prende gioco di noi lasciandoci in mezzo ai guai con lemigraxione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog