Cerca

La reazione

Regionali, Silvio Berlusconi rilancia il progetto di un rassemblement di moderati

Regionali, Silvio Berlusconi rilancia il progetto di un rassemblement di moderati

Sembrava fuori dai giochi, sembrava ormai fuori dalla scena politica e invece...ancora una volta Silvio Berlusconi è riuscito a riprendersi la scena. Via via che lo spoglio andava avanti e sezione dopo sezione si componeva il puzzle di una evidente sconfitta elettorale per Matteo Renzi, il Cavaliere ha cominciato a fare dei ragionamenti con i suoi. Ragionamenti che si possono sintetizzare così: Matteo Renzi esce indebolito dal voto, il 40%  delle europee comincia a sgretolarsi. E noi, dove siamo andati uniti gli abbiamo dato filo da torcere, strappandogli persino una roccaforte rossa come la Liguria. Berlusconi non sottovaluta l'avanzata della Lega. E a chi gli fa notare che Matteo Salvini  potrebbe insidiare la sua leadership e lanciare presto un’Opa sul centrodestra, il Cav continua a ripetere: nessuno si dimentichi che solo se stiamo insieme vinciamo. E ancora: il centrodestra ha un futuro, una prospettiva politica, se è unito, da qui il mio sogno di un rassemblement di moderati, che comprenderebbe il Carroccio e attirerebbe anche gli elettori di Area popolare guidata da Angelino Alfano. Visto che un elettore su due ha disertato le urne, le regionali, avrebbe spiegato il leader forzista, dimostrano che chi è arrabbiato ha espresso un voto di protesta (da qui la tenuta di M5S e la crescita del Carroccio), mentre chi non si riconosce in questa vecchia politica, ovvero tantissimi moderati di centrodestra, ha preferito astenersi, facendo crollare l’affluenza. E noi dobbiamo riconquistare il consenso e la fiducia dei nostri elettori astenuti.

Prospettiva - Berlusconi, dunque, tira un sospiro di sollievo rispetto al 6 a 1 per i renziani che un mese fa tutti davano per probabile. Certo, resta la forte amarezza per aver perso la Campania, anche se Vincenzo De Luca ha sempre la spada di Damocle della decadenza per effetto della legge Severio. Forza Italia non scende sotto la soglia di allarme del 10% (si attesta sull’11%) a livello nazionale, un risultato non certo rassicurante rispetto al passato anche se previsto a palazzo Grazioli, ma la vittoria a sorpresa di un fedelissimo del cerchio magico come Giovanni Toti in Liguria, basta per galvanizzare l’ex premier e concentrarsi sulla rivoluzione azzurra, cioè il cambiamento di Forza Italia, più volte annunciato. Presto partirà il rinnovamento, è il ragionamento fatto da Berlusconi. E proprio il successo di un fedelissimo come Toti fa passare in secondo piano le beghe interne al partito forzista: i maldipancia dei verdinian e la guerra con Raffaele Fitto, ormai fuori dal partito, anche se in Puglia l’ex ministro ha vinto la sua sfida personale con i  berluscones, visto che il candidato dei Conservatorì Francesco Schittulli ha surclassato Adriana Poli Bortone, sostenuta dai lealisti di Luigi Vitali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francotala

    02 Giugno 2015 - 16:04

    Se vuole tornare ancora a far valere i suoi progetti, deve abbandonare alfano per la sua strada= a quella di Fini.

    Report

    Rispondi

  • dellaperutaantonio

    01 Giugno 2015 - 17:05

    Ma di cosa parla,ma se ne rende conto?: Noooooo!!!

    Report

    Rispondi

  • papesatan

    01 Giugno 2015 - 16:04

    i numeri contano ancora? faccio sommessamente notare che toti ha vinto solo per i voti della lega.non vedo cosa ci possa essere da festeggiare da parte di FI. il presidente di michael nicoli ha subito una batosta di tutto rispetto! comanderà Salvini! fatevene una ragione!

    Report

    Rispondi

blog