Cerca

Furiosa

Rosy Bindi pretende le scuse del Pd

Rosy Bindi pretende le scuse del Pd

"Adesso che le urne sono chiuse e che il Pd ha vinto, io pretendo un risarcimento per il linciaggio al quale è stata sottoposta la mia persona". Rosy Bindi, in una intervista al Corriere della Sera, vuole le scuse del Partito democratico che l'ha attaccata sulla questione degli impresentabili: "Pretendo le scuse, pubbliche e formali, per essere stata ingiustamente diffamata, accusata di avere usato un ruolo istituzionale per una lotta interna o, addirittura, per una vendetta dentro il partito. Un'accusa troppo grave, lesiva della mia dignità e di quella della commissione Antimafia, che presiedo".

La Bindi rivendica la correttezza e l'onestà con cui lei e la commissione Antimafia hanno agito "applicando le regole in maniera imparziale" e che è in grado "di dimostrare con documenti alla mano". E attacca, ironizzando: "Capisco che per paura di perdere la Campania si sia cercato di buttare discredito sulla mia persona e sull'Antimafia, ma ora il Pd ha vinto e tutti sono invitati a valutare i fatti e a ritirare le offese". Eppoi, continua la Bindi, "io ho sempre fatto battaglie a viso aperto. Tutti conoscevano la situazione di De Luca". 

E' furibonda Rosy e non ha alcuna intenzione di fermarsi: "Sia chiaro che avrei preteso le scuse anche se la Campania fosse stata persa. Il nostro lavoro non è stato fatto per decidere chi dovesse vincere o perdere, ma per informare i cittadini". Il Pd "sia più prudente quando asserisce che su De Luca la legge Severino non avrà nessun effetto", perché le verifiche andranno avanti: "Adesso faremo la verifica degli eletti nelle amministrazioni, a cominciare da alcuni Comuni della Calabria. Sarebbe stato meglio farlo prima, ma non c'è stato il tempo. Le leggi elettorali vanno cambiate, le liste andrebbero presentate almeno 15 giorni prima, in modo che ci sia il tempo di fare i controlli".

Detto questo, secondo la Bindi, bisogna andare al di là del risultato elettorale che dice che il Pd ha vinto 5 a 2: "Al netto delle liste civiche il Pd torna a quel dato che alcuni considerano lo spettro del 25%, senza averlo raggiunto". Quindi bisogna riflettere sui dati, sulla Liguria - dove c'è stata "una operazione politica che non può essere liquidata attribuendo le responsabilità alle singole persone o stigmatizzando il presunto autolesionismo della sinistra radicale" - e sul Veneto - "dove una cosa è perdere il governatore e un' altra dimezzare i voti". E poi c'è l'astensionismo "che cresce e il fatto che, dove il centrodestra si ricompatta e il centrosinistra si divide, la destra vince". Quindi la soluzione è "tornare all'Ulivo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinodipino

    02 Giugno 2015 - 18:06

    Bindi animata solo da rancore ha fatto un'azione finalizzata a danneggiare il PD, intanto la commissione antimafia non ha mai avuto questo ruolo che semmai toccherebbe alla commissione Giustizia poiché qualunque sia il reato per cui si è condannati non bisogna essere candidati non solo reati di mafia, ma questo va fatto per tempo non certo a 24 ore dalle votazioni. PESSIMA !!!!

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    02 Giugno 2015 - 12:12

    il PD una massa di intriganti parassiti che vegetano a spese del popolino.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    02 Giugno 2015 - 11:11

    cara rosina, spero ti sia accorta delle testa di caciucco che ti circondano. Anche ieri sera hai trovato sul cammino il sapientino di mieli che affermava che non dovevi mettere il nome de luca sulla lista, a prescindere, perchè lui è del partito. Hai capito? Hanno sparato contro a Cofferati perchè si è dissociato dai ladroni, ma non lo ha fatto ne renzi ne le veline che vengono in TV. Sono zecche

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      09 Luglio 2015 - 14:02

      Come non condividere con alvit .

      Report

      Rispondi

  • mauro iacomelli

    02 Giugno 2015 - 10:10

    Complimenti e solidarietà a Rosy BINDI !!! quando ricopri una carica istituzionale devi fare il Tuo dovere NON la serva al capo di turno ... e chi ritiene che ha sbagliato vuol dire che è una persona che obbedisce e serve i capo, non le istituzioni e il popolo ... si vede che viene da sane tradizioni !!!

    Report

    Rispondi