Cerca

Dalle parole ai fatti

Lista impresentabili, Vincenzo De Luca denuncia Rosy Bindi per "diffamazione, attentato ai diritti politici costituzionali e abuso d’ufficio"

Lista impresentabili, Vincenzo De Luca denuncia Rosy Bindi per "diffamazione, attentato ai diritti politici costituzionali e abuso d’ufficio"

C’è chi non dimentica. Dopo la lista presentata da Rosy Bindi con l’elenco dei 16 “impresentabili”, fra cui c’era anche il nome di Vincenzo De Luca, il neo eletto governatore della Campania aveva promesso azioni legali nei confronti della presidente della commissione parlamentare Antimafia. E ora su Twitter ha annunciato di essere passato dalle parole hai fatti: “Oggi ho presentato in Questura la denuncia a Rosy Bindi per diffamazione, attentato ai diritti politici costituzionali e abuso d’ufficio”. Insomma il caos in casa Pd, soprattutto dopo i deludenti risultati delle elezioni, non accenna a placarsi ma anzi monta di giorno in giorno.

I precedenti – Il 29 maggio la Bindi, nel corso di una conferenza stampa-show e a due giorni dalle elezioni regionali, aveva presentato la lista degli "impresentabili". Sedici in tutto, candidati tra Puglia e Campania. Tra questi, come era ovvio, c’era anche il nome di De Luca, più volte combattuto dalla Bindi e dai vecchi veterani "democrat". Il nuovo presidnete della Campania non era stato ritenuto incandidabile per l'ultima condanna per abuso d'ufficio, bensì per un giudizio pendente in un procedimento del 2002 per il reato di concussione continuata, commesso dal maggio 1998 e con "condotta in corso". Dopo la sua conferenza gli attacchi alla Bindi sono arrivati da tutti i fronti, soprattutto da casa Pd. “Un attacco personale, un uso politico della commissione” le hanno detto, alimentando il fuoco della polemica. Tanto che Rosy, a urne chiuse, attraverso un’intervista al Corriere della Sera ha poi preteso le scuse da tutti i suoi colleghi. "Pretendo le scuse pubbliche e formali - ha dichiarato - per essere stata ingiustamente diffamata, accusata di avere usato un ruolo istituzionale per una lotta interna o, addirittura, per una vendetta dentro il partito. Un'accusa troppo grave, lesiva della mia dignità e di quella della commissione Antimafia, che presiedo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    03 Giugno 2015 - 10:10

    Vai De Luca , sotterra questa donna inutile e arraffa soldi ... Renzi rottamala per favore ,,,

    Report

    Rispondi

  • alvit

    03 Giugno 2015 - 08:08

    certo che la Bindi ha ragione. Si è comportata come deve comportarsi un membro del parlamento, correttamente e senza guardare chi colpisce se questo ha sbagliato. de luca è un impresentabile se ne stia fuori dai zebedei, non sarà così, il soccorso rosso interverrà e darà contro alla rosina. Bisogna anche dire, che la campania è terronia pura, dove la giustizia non entra i napoletani se lo meritano

    Report

    Rispondi

  • gio52

    02 Giugno 2015 - 23:11

    De-luca dopo la lista impresentabili ha preso il voto di tutti i mariuoli campani e come tutti sanno sono tanti . anch'io detestavo la bindi ma ora devo ricredermi ; forza bindi !

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    02 Giugno 2015 - 17:05

    bravo de luca, distruggila.......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog