Cerca

La fuga

Silvio Berlusconi prende tempo sull'alleanza con Matteo Salvini: 40 parlamentari pronti a lasciarlo se sceglie il leghista

Silvio Berlusconi prende tempo sull'alleanza con Matteo Salvini: 40 parlamentari pronti a lasciarlo se sceglie il leghista

La Lega di Matteo Salvini ha incassato un risultato talmente largo alle ultime Regionali, e così in vantaggio rispetto a Forza Italia, da ribaltare definitivamente le posizioni di forza all'interno del centrodestra. Difficile ancora parlare di una coalizione, ma le prove di dialogo hanno premiato per esempio in Liguria e Veneto, con i leghisti però sempre attori principali della vittoria. È così che Salvini può permettersi di dettare l'agenda e minacciare i potenziali alleati, a cominciare da Forza Italia: "Alle Politiche vado da solo - ha detto alla Zanzara su Radio24 - perché su temi importanti come l'Europa, Forza Italia è con Renzi".

Il leader - L'avanzata di Salvini impone sul tavolo il tema delle primarie per la scelta del prossimo candidato alla presidenza del consiglio per il centrodestra. La tanto sbandierata leadership, finora trattenuta a denti stretti da Berlusconi che non molla: "Se prima Salvini non accetta di aderire al rassemblement dei moderati - ha detto l'ex premier ai suoi da Arcore - non si discute di primarie Nè di leadership". Il Cav si sente ringalluzzito per la vittoria ligure e lancia anche la sfida: "È così convinto di vincerle? - riporta Repubblica - Se si incaponisse, allora potrei candidarmi io e vedremmo chi la spunta".

La frana - Da settimane Berlusconi preannunciava grandi novità per il postvoto. Giugno potrebbe essere il mese del rilancio di Forza Italia, ma a furia di tirare la corda con i dissidenti interni, il rischio che venga travolto da una frana è alto. Con i fittiani ormai lanciati per la costituzione dei gruppi a Camera e Senato di Riformisti e conservatori, rimangono in attesa di capire che farà il Cav ancora i fedelissimi di DeniS Verdini. La spia d'allarme arriva dalle parole dell'ex coordinatore azzurro della Toscana, Massimo Parisi: "Se tu scegli prima di allearti sulle riforme e poi una posizione più estrema, ti devi porre il problema che quella posizione è occupata da Salvini". Il fantasma del Patto del Nazareno aleggia ancora tra i forzisti e la riforma al Senato potrebbe essere il momento del liberi tutti: "Solo Renzi è credibile - ha detto Repetti - liberali e riformatori devono sostenerlo". Un'emorragia da circa 40 parlamentari per Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    04 Giugno 2015 - 12:12

    Aderire ai rassemblement dei moderati. Ma sentitelo questo. E potrebbe pure scendere in campo. (sic) E poi sentite la perla di questi nominati di Forza Italia. Solo Renzi e' credibile! Su cosa Repetti? Ce lo dici? Siamo tremendamente curiosi. Sulle slide, sui tweet, su una riforma al mese, sul conteremo di piu' in europa? (s'e' visto). La verità e' che voi siete solo dei poltronisti voltagabbana.

    Report

    Rispondi

  • frarossi84

    04 Giugno 2015 - 11:11

    segue:ognuno si compri la sua auto o si paghi il treno e l'aereo escluse eccezioni importanti come i lavoratori normali,far capire che il lavoro del politico è come tutti gli altri,e poichè i politici hanno sempre almeno 2 lavori i contributi vanno quindi aggiunti e in pensione si va come tutti i lavoratori e non dopo 5 anni.Non c'è bisogno di alleanze la gente vota il programma che lo convince

    Report

    Rispondi

  • frarossi84

    04 Giugno 2015 - 11:11

    segue:pensioni sociali per poter vivere,adeguamento di tutte le pensioni fino a 5000 euro netti,eliminare tutti i vitalizi e reccuperare tutti i soldi dei vitalizi avuti in più di quanto versato,eliminare le doppie pensioni o triple se non sono stati pagati i contributi,un tetto massimo alle pensioni a meno che non ci siano contributi versati,eliminare tutti i privilegi,i lavoratorinon ne hanno

    Report

    Rispondi

  • frarossi84

    04 Giugno 2015 - 11:11

    Caro Silvio molla FI a chi la vuole portare avanti come vuole,tu fai un nuovo partito con persone giovani e non ma pulite.Serve a poco pensare di allearsi l'importante è creare un partito con progetti per il popolo e per il paese che nessuno o pochi ha pensato di fare.Abbassare le tasse,dimezzare gli stipendi di politici magistrati,un tetto massimo per dirigenti,una pensione di invalidità x vivere

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog