Cerca

Nuovi orizzonti

Giorgia Meloni e quell'appello agli ex An: "Adesso la destra c'è"

Giorgia Meloni e quell'appello agli ex An: "Adesso la destra c'è"

Giorgia Meloni è più che soddisfatta del risultato delle Regionali, non nasconde l’entusiasmo e, in un’intervista a Il Tempo, spiega che, se si considerano le scarse risorse investite (ventimila euro per sette regioni) l’esito è davvero sorprendete. “Fratelli d' Italia è l' unico movimento oltre alla Lega a crescere, sia in termini percentuali che di voti assoluti. La destra c'è. Anche per questo, tutti quelli che finora ci hanno osservato da lontano per "testare" la nostra sopravvivenza a medio termine, oggi potrebbero anche venire a darci una mano”. Un messaggio chiarissimo, quello che lancia la Meloni agli ex alleati di An e non solo. Il leader di Fratelli d’Italia fa un’analisi del voto e soprattutto del fronte “anti-Renzi” con la Lega che è stato sperimentato in Toscana e nelle Marche “in entrambe le occasioni abbiamo fatto il 20%, siamo arrivati sopra il resto del centrodestra e abbiamo conteso il secondo posto a Grillo”.

La risposta - Sempre dalle colonne de Il Tempo Francesco Storace, leader della Destra, risponde all’appello della Meloni. “A destra c’è uno spazio molto grande, ma dobbiamo crederci”, dice. Sottolinea come Fratelli d’Italia abbia “resistito di fronte al trionfo di Salvini mentre tutti gli altri perdevano, questo significa che c’è una corazza impermeabile persino all’avanzata leghista”. A sua volta Storace lancia un messaggio alla Meloni: “Giorgia Meloni apra Fratelli d’Italia alla partecipazione. Io non le chiederò mai di rinunciare al suo simbolo, non è giusto farlo e non serve. Ma deve cominciare a parlare a tutti per coinvolgere senza farsi prendere la mano dal nuovismo. Deve credere nell’obiettivo di una casa comune di destra. Che può essere, perché no, anche la stessa Fratelli d’Italia. Storace fa anche un riflessione sul suo futuro e sulla possibile confluenza de “La Destra” nel partito della Meloni.

L'annuncio - Rinvia tutto al congresso che si svolgerà a fine anno e annuncia: “Io lascerò la guida del movimento, perché ognuno deve essere consapevole della propria stanchezza. Ma mi metto a disposizione di un grande progetto e di una persona più giovane e più fresca di me, la Meloni lo è, per darle una mano. E voglio contribuire al progetto anche con il Giornale d'Italia, che sul web è diventato un fenomeno. La soddisfazione dell' aiutare, a volte, sia maggiore di quella del guidare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • unliberopensatore

    26 Luglio 2015 - 17:05

    Ancora parla Sorace, che come governatore del Lazio ha disastrato i conti, specie della sanità. Storace, se vuoi fare una cosa utile alla destra, sparisci!!!!

    Report

    Rispondi

  • aesir

    04 Giugno 2015 - 14:02

    con la russa come la mettiamo?l'altra sera a porta a porta a gettato ponti d'oro ad alfano...non siete credibili !!

    Report

    Rispondi

  • airbaltic

    04 Giugno 2015 - 13:01

    Tutto bello ma non voglio vedere neanche mezzo ex finiano che tenta di rimettersi in mezzo.

    Report

    Rispondi

  • cantagallo

    04 Giugno 2015 - 09:09

    Si ma i temi devono essere forti e caratterizzanti altrimenti nessuno ci crederà: emigrazione, difesa della lingua e della cultura, forte orgoglio nazionale,leggi più dure per chi delinque, forte azione repressiva delle forze dell'ordine sulla delinquenza,inflessibilità sulla corruzione,esaltazione e difesa dei valori della famiglia,difesa della nostra religione cristiana etc. etc.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog