Cerca

Lo sfogo

Matteo Renzi, la sconfitta del premier raccontata da Graziano Cioni: il "signore di Firenze" contro Palazzo Chigi

Matteo Renzi

Matteo Renzi visto da Benny

A Firenze c’è un personaggio che Matteo Renzi lo conosce molto bene. Un’eminenza grigia costretta, come riporta Il Tempo, a stare a margine della scena politica per diversi anni, ma che ora è tornata a parlare. E i suoi giudizi sul premier non sono per niente positivi. Si tratta di Graziano Cioni, nome molto conosciuto fra i fiorentini. Ex Pci, ex senatore Ds, ex assessore alla Sicurezza. Nel 2008, durante le primarie del centrosinistra per decidere il candidato sindaco di Firenze, fu però costretto a ritirarsi a causa di una denuncia per corruzione. Gli altri candidati erano Renzi, Lapo Pistelli e Daniela Lastri. E chi vinse è noto a tutti. Da lì la strada di Matteo fu tutta in ascesa, da sindaco a capo del Governo in pochi anni.

Il Cioni furioso – L’ex senatore è stato poi assolto dall’accusa di corruzione nel 2013, e adesso tramite il suo profilo Facebook è tornato a parlare. "Matteo – ha postato – sta guardando le carte con gli ultimi e definitivi risultati elettorali. Con la perdita della Liguria il centrodestra, dato per sgretolato, rientra in campo. Carte che raccontano dell'Umbria traballante, di presidenti di regione eletti con il Pd che di sinistra non hanno nulla, della Moretti doppiata da Zaia in Veneto. Poi Matteo apre anche un plico dei Servizi Segreti che rivela che il 41% per cento delle Europee è andato a farsi benedire e a conti fatti ora governa con il consenso del 12% degli italiani aventi diritto al voto. Mi guarda e dice con il tono che non ammette repliche, "meglio di così come doveva andare". Si avvicina a noi la Serracchiani... e Dio volendo mi sono svegliato e ho evitato l'incubo”. Un sogno insomma, o forse no. Ma comunque un’analisi fin troppo lucida del disastro politico a cui è andato incontro Renzi, fatta da un uomo che lo ha conosciuto molto bene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcomasiero

    04 Giugno 2015 - 10:10

    i komunistoidi in 70 anni hanno completato l' opera ! non fosse stato per il piano Marshall e la guerra fredda saremmo stati già da tempo nelle condizioni di abbandono invasi come ora !!!

    Report

    Rispondi

  • accanove

    04 Giugno 2015 - 09:09

    I leggeri segnali di ripresa non sono determinati dagli effetti dei suoi interventi ma da una favorevole congiuntura globale, se le riforme non vengono attuate subito si perde il treno, gl effetti terminano, il suo governo con essi, l'Italia con tutti.

    Report

    Rispondi

  • accanove

    04 Giugno 2015 - 09:09

    La ricetta per rimettere in moto l'Italia non è di sinistra e Renzi lo sa bene, taglio spese (fuori dal sociale) ed abbassamento (reale) delle tasse, se lo facesse porterebbe a casa un sacco di voti moderati lasciando per strada la "malapianta" sinistra che frena qualsiasi riforma efficace. Se lo facesse però ammetterebbe che l'Italia non ha bisogno di una sinistra

    Report

    Rispondi

  • encol

    04 Giugno 2015 - 09:09

    Ieri il bullo ed il suo tirapiedi e UOMO COOP ci hanno dato una nuova chicca, meglio dire BUFALA. Secondo loro grazie alla nuova legge sul lavoro le assunzioni sono aumentate di 150.000 Un. MEGABALLA sia perchè il conteggio va verificato su almeno tre mesi e, ben più importante perchè per quasi la totalità si tratta di contratti stipulati per usufruire delle nuove regole: poi si licenzia

    Report

    Rispondi

blog