Cerca

Leadership del centrodestra

Lega, Claudio Cerasa boccia Matteo Salvini leader del centrodestra: "Serve un modello di governo come Luca Zaia"

Luca Zaia

Luca Zaia

Il vincitore delle ultime elezioni regionali doveva indicare naturalmente il prossimo leader del centrodestra, il vero oppositore di Matteo Renzi, l'unico in grado di poterlo sfidare non solo sul piano della comunicazione, ma anche elettorale e politico. Il problema rimane però sullo stabilire chi davvero ha vinto le consultazioni del 31 maggio. Buona parte degli analisti ha letto i flussi dei voti come una vittoria di Matteo Salvini che avrebbe portato il forzista Giovanni Toti alla vittoria in Liguria, Luca Zaia a confermarsi in Veneto e il Carroccio in doppia cifra nella rossissima Toscana. Il centrodestra è riuscito nell'impresa di evitare il cappotto contro il Pd, tornando ad essere coalizione e soggetto credibile come alternativa alla maggioranza renziana. Non è proprio così per il direttore del Foglio Claudio Cerasa che nell'ultimo editoriale chiarisce come il risultato alle Regionali non può essere letto come "un buon risultato per il centrodestra, ma più che altro come un discreto risultato della Lega: che non ha allargato la platea dei suoi elettori (...), ma ha semplicemente nstrappato con gli artigli un bel po' di elettori di Forza Italia".

I modelli - Sono emersi due stili leghisti e proiettati anche due stili di possibili leader dalle Regionali. Da una parte quello di Matteo Salvini, una leadership "carismatico-primitiva". Una Lega: "anti-euro e a trazione megafono, che considera la Merkel il male assoluto e si sente più vicina a Podemos e Tsipras che alla destra repubblicana". Dall'altra il modello di Luca Zaia, che ha vinto secondo Cerasa proprio perché non si è ispirato allo stile del segretario del Carroccio. Un modo di presentare il partito leghista: "capace di di interagire con i suoi alleati naturali". Secondo Cerasa: "Salvini potrà continuare a muoversi ancora a lungo come il grande federatorte dei talk show, ma sa perfettamente - continua Cerasa - che anche la Lega ha bisogno di una magia di Berlusconi per diventare un prodotto accattivanete non solo per gli studi di Floris e Ballarò".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovanna.brizi

    05 Giugno 2015 - 13:01

    Ma Claudio cerasa chi? Un polletto spelacchiato che si improvvisa opinionista e spara cazzate come se piovesse?a coso lascia decidere a noi che lo votiamo chi vogliamo come leader premier! ! Salvini premier grande Matteo! !!

    Report

    Rispondi

  • alcon

    05 Giugno 2015 - 11:11

    E' una vecchia tattica per poi dividere il centrodestra e poi bocciare tutti e due

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    05 Giugno 2015 - 11:11

    Questo Cerasa del Foglio, al pari dell'elefante, mi sembra facciano del lecchinaggio per il loro editore, come si fa ad affermare che la Lega ha strappato con gli artigli un bel po' di elettori di Forza Italia, nel caso saranno stati gli elettori a decidere come votare senza alcuna costrizione, mica sono birilli di proprietà berlusconiana che si possa spostare con gli artigli.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    05 Giugno 2015 - 10:10

    Il laboratorio LIGURIA è il più indicato per pensare di vincere!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog