Cerca

Qui cade tutto

Sondaggio, Roma: dopo Mafia Capitale il Pd precipita al 17%, esplodono Beppe Grillo e Matteo Salvini

Matteo Renzi

Effetto Mafia-Capitale. L'inchiesta pesa, eccome, sulle sorti del Pd. Almeno su quello capitolino, dove il partito di Matteo Renzi sarebbe in crollo verticale. E a peggiorare il quadro c'è Ignazio Marino, il sindaco nel mirino, e che potrebbe capitolare sotto il peso della seconda parte dell'indagine: tra circa un mese e mezzo scopriremo se il Comune di Roma verrà commissariato.

Le cifre - Ma, ora, i fari restano puntati sul Partito democratico. Nel dettaglio su un sondaggio commissariato dal Nazareno e di cui dà conto Affaritaliani. Le cifre parlano da sole: lo scandalo ha messo le ali al Movimento 5 Stelle, dato al 30 per cento. Ad incalzare i grillini ecco Alfio Marchini, con la sua Lista Marchini data al 20 per cento. E il Pd? Relegato a un modesto, anzi modestissimo 17 per cento. Una sorpresa arriva anche da Matteo Salvini, che prende piede anche nella capitale e che se si andasse al voto oggi per le comunali raggranellerebbe un cospicuo 8 per cento. C'è poi il partito di maggioranza assoluta, quello di chi, disgustato, non andrebbe a votare: ben il 51%, una percentuale-mostre.

Le prospettive - Brutto lo scenario anche per Forza Italia, Ncd e Fratelli d'Italia, che vengono accreditati di consensi irrisori, ridotti ai minimi termini, pressoché ininfluenti ai fini dell'elezione dell'eventuale nuovo sindaco. Comunque sia, il dato che emerge è chiaro: se si andasse al voto, il Pd sarebbe condannato a fare opposizione. Ed è questa la ragione, nota, per la quale il partito tenta di difendere il sindaco Marino ad oltranza. Inoltre, oggi come oggi (e magari ancor peggio di oggi, quando presto usciranno altre nuove magagne di Mafia Capitale), sostenere una campagna in queste condizioni potrebbe essere impossibile, controproducente. Tutte ragioni per le quali il commissario Matteo Orfini, dopo la riunione d'emergenza al Nazareno, ha spiegato ai suoi che mantenere in piedi Marino è l'unica linea percorribile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cmicangeli

    18 Luglio 2015 - 12:12

    Ora capisco perché il Prefetto Gabrielli non ha sciolto il Comune di Roma perché il PD non vuole le elezioni perché visti i sondaggi. Inoltre vorrei dire al Signor Prefetto che i veri razzisti siete voi razzisti verso il Popolo Italiano e avete ridotto la Costituzione a carta straccia. Andreste tutti accusati di Alto Tradimento verso il Popolo Italiano.

    Report

    Rispondi

  • fepi65mi

    10 Giugno 2015 - 08:08

    Questa è la goccia che fa traboccare il vaso...Renzi si dimetta e politica tutta da rivedere...così non puo' essere ed è scandaloso che con tutte le ruberie chiedano poi soldi a chi non arriva a fine mese...sono schifato !

    Report

    Rispondi

  • lionello.sansonetti

    09 Giugno 2015 - 23:11

    Finalmente una bella notizia.... Certo, sarebbe auspicabile che salvini e il M5stelle, che pure hanno tanti punti prgrammatici simili, trovassero un' intesa...Allora si che si potrebbe finalmente contare su un salvataggio ''in extremis'' di una italia che stiamo tutti prdendo...

    Report

    Rispondi

  • leonardovinci37

    09 Giugno 2015 - 11:11

    beh! visto come il PD ha portato l'italia ad un punto di non ritorno; non ci sorprende più di tanto che le prospettive gettano il partito ad un miserabile 17%! anche se poi; non ne siamo mica sicuri che potrebbero prendere quel 17%! pensiamo che giorno dopo giorno quella percentuale cambi sempre al ribasso!!!! perciò: se si andasse al voto il prossimo anno; sarebbe solo un 5%.......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog