Cerca

Immigrazione

Immigrazione, Angelino Alfano replica a Roberto Maroni: "Insopportabile atteggiamento di odio verso il Sud"

31
Immigrazione, Angelino Alfano replica a Roberto Maroni: "Insopportabile atteggiamento di odio verso il Sud"

Quello del presidente della Lombardia, Roberto Maroni, è un "atteggiamento di odio verso il Sud". La risposta del ministro dell'Interno Angelino Alfano è arrivata il giorno dopo la dura presa di posizione di Maroni che ha minacciato di tagliare i fondi ai comuni che avrebbero accolto altri immigrati. Sulla scia del leghista sono seguiti i governatori rieletti Luca Zaia per il Veneto e Giovanni Toti per la Liguria, più il segretario della Lega Salvini che si è detto: "Pronto a bloccare le prefetture". Nella mattinata Alfano ha incontrato il commissario Ue per le migrazioni, Dimitris Avramopoulos, a una settimana dal vertice europeo dei ministri dell'Interno e in vista del Consiglio europeo di fine mese, in occasione del quale dovrebbe essere ratificata la proposta di ricollocamento di 40 mila profughi in due anni in tutti i Paesi membri. Alle grandi rassicurazioni di Avramopoulos sul sostegno Ue all'Italia, Alfano ha preferito concentrarsi sulla polemica tutta interna all'Italia: "Chiediamo un'equa distribuzione dei migranti in Italia, così come in Europa - ha detto alla fine dell'incontro - ed è un atteggiamento insopportabile di odio verso il Sud dire ad alcune regioni 'sbrigatevela da soli'". Qualche critica Alfano l'ha concessa anche verso il piano Ue: "È difficile immaginare che 24 mila migranti via dall'Itlia in due anni siano una cifra giusta e che questi debbano essere solo eritrei o siriani".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • augi55

    14 Maggio 2016 - 16:04

    Ministro alfano pur di rimanere ancorato alla sedia del suo ministero permette di farci invadere..e altre cose, caro sig ministro arrivera il momento che anche lei lascera' quella poltrona e tutti la ricorderanno per quello che vale..come ancora ci ricordiamo quel personaggio che per compiacere alla sinistra vendette il berlusca con la frase "che fai mi cacci?"

    Report

    Rispondi

  • allianz

    24 Agosto 2015 - 18:06

    TACI LURIDO TRADITORE.

    Report

    Rispondi

  • globetrotters

    10 Giugno 2015 - 10:10

    Solo a vederlo mi viene da vomitare! Quale sarà la sua prossima casacca? E pensare che l'art. 72 della attuale "costituzione" rende legale cambiare casacca. Il che significa che voti uno e te lo ritrovi contro!!! Mio padre, nato nel 1908, dopo il 45 diceva; è una repubblica, chi si alza prima si veste !!! Lungimirante, è quello che è successo. togliatti e de gasperi? Maledetti pure da morti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media