Cerca

Il nuovo statuto

Partito Repubblicano, la mossa di Silvio Berlusconi: "sicurezza" prima di "fisco e tasse". Presto l'incontro con Matteo Salvini

Partito Repubblicano, la mossa di Silvio Berlusconi: "sicurezza" prima di "fisco e tasse". Presto l'incontro con Matteo Salvini

Il Partito Repubblicano prende forma, con una possibile svolta in direzione Lega Nord. E' l'idea di Silvio Berlusconi, che sta lavorando allo statuto del soggetto politico destinato a superare Forza Italia. Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, il Cavaliere avrebbe stilato una "classifica" di parole chiave, di priorità, per andare incontro agli elettori, e la prima di queste sarebbe "sicurezza", ancora più importante del comparto "fisco e tasse".   

Sicurezza e immigrazione - Pane per Matteo Salvini, insomma, che sulla sicurezza (tra immigrazione e violenze assortite) sta mangiando velocemente terreno al premier Matteo Renzi. Un riavvicinamento tra il Cav e il leghista potrebbe avvenire anche su questo tema. Nel frattempo il "Gianni Letta padano", Giancarlo Giorgetti, è all'opera per organizzare il tanto atteso faccia a faccia post-elettorale tra i due leader del centrodestra italiano. Come scrive il Giornale, ci si aspetta una accelerazione anche per approfittare dei guai giudiziari che da Mafia Capitale in giù stanno minando le fondamento del governo Pd-Ncd. L'agenda comune non può non partire dal controllo dell'immigrazione, tema sul quale Berlusconi sta già arringando i suoi: "Renzi fa tante chiacchiere, ma non agisce. Facessero quel che vogliono: occupassero anche gli uffici a Bruxelles, ma l'immigrazione deve essere divisa per quote tra Paesi Ue. La sicurezza sarà il nostro primo obiettivo quando torneremo al governo".

Il piano fisco - E poi, ovviamente, un "piano tasse" che Berlusconi aveva messo a punto già lo scorso dicembre insieme ad Antonio Martino e Guseppe Moles: aliquota fissa al 20%, con esenzione per i redditi fino a 13mila euro. Proprio di questo hanno già parlato negli ultimi giorni Giorgetti e Deborah Bergamini, e ancora il responsabile economico di Noi con Salvini Armando Siri e Renato Brunetta. La Lega, annota il Giornale, "vorrebbe una versione più spinta al 15%", insostenibile per i conti pubblici secondo i forzisti. Ma la base per trattare c'è.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    14 Giugno 2015 - 22:10

    Oggi sono andato a votare per il ballottagio fra il "solito" pd, unito per l'occasione a idv e liste civiche di vario genere. Dall'altra parte, Lega (20% al primo turno) e una lista civica appoggiata al candidato leghista. E F.I. dov'era? Scomparsa dalla scheda. Vabbè che al primo turno aveva preso il 4%, ma, mi chiedo, perché non schierarsi? Certo che, così facendo, vanno poco lontano!

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    14 Giugno 2015 - 20:08

    Tasse 10% secco a tutti aziende e persone. Segreto bancario assoluto. Rediti prodotti all'estero 0 tasse, sistema fiscale semplice e facile cosi tutti sono in regola. Insomma uno stato OFF SHORE - avremmo un prblema in Italia, come trovare abbastanza persone per lavorare, come tenere fuori le aziende straniere che vogliono investire in Italia.. ZERO. equa distribuzione-diritti acquisiti e balle sx

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    14 Giugno 2015 - 19:07

    Se questo è il programma fiscale: non hanno capito un c...o!!! Il problema del fisco non è tanto l'aliquota, quanto la base imponibile. Se tassi un bene che non produce affossi economia e ricchezza, vedi il crollo del valore, del lavoro e delle entrate a causa della demente estorsione sugli immobili.

    Report

    Rispondi

    • Joachim

      15 Giugno 2015 - 08:08

      Questo significa IMU zero sulla prima casa...ma le altre/oltre devono pagare poichè producono un reddito. Se la casa e' quella di vacanza....deve pagare...insomma se hai proprietà oltre al reddito dovrai pure pagare altrimenti il denaro dei contribuenti come lo produci....?

      Report

      Rispondi

  • Angeli1951

    14 Giugno 2015 - 19:07

    Se questo è il programma fiscale: non hanno capito un c...o!!! Il problema del fisco non è tanto l'aliquota, quanto la base imponibile. Se tassi un bene che non produce affossi economia e ricchezza, vedi il crollo del valore, del lavoro e delle entrate a causa della demente estorsione sugli immobili.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog