Cerca

Guai sinistri

Pd e governo, il panico di Matteo Renzi tra Venezia e Roma

Pd e governo, il panico di Matteo Renzi tra Venezia e Roma

Questa sera, intorno a mezzanotte, Matteo Renzi saprà se dopo Mafia Capitale e l'immigrazione si riaprirà anche il terzo fronte caldo, quello elettorale. Oggi è il giorno del ballottaggio delle Comunali e gli occhi di tutti sono puntati su Venezia, commissariata dopo lo scandalo delle tangenti del Mose (e l'arresto del sindaco dem Orsoni): il paradosso è che Renzi, dopo il mezzo flop delle regionali, è aggrappato a Felice Casson, ex pm esponente della minoranza dem. Al primo turno ha chiuso in vantaggio su Luigi Brugnaro del centrodestra, ma la gara è molto incerta. E' evidente come un ko anche in Laguna rimetterà in forte discussione la permanenza a Palazzo Chigi del premier, che fino ad oggi si è blindato facendo leva sul consenso elettorale delle Europee e delle amministrative 2014 ma che in questi ultimi 6 mesi sta incassando brutti colpi su crisi economica, riforme, politica estera. E soprattutto, sta di nuovo subendo l'assalto dei suoi avversari esterni (senza Patto del Nazareno, si è trovato scopertissimo sul fronte Salvini e Grillo) e interni. 

Salvini più Grillo - Certo, come suggerisce Ugo Magri su La Stampa, la strategia difensiva di Renzi in caso di sconfitta è prevedibilissima: parlerà di candidato sbagliato, perché troppo di sinistra, e cercherà di riprendere il timone di una nave che sta imbarcando troppo acqua. Viceversa, se vincerà Brugnaro sarà il segnale definitivo della rinascita del centrodestra in Veneto, sull'onda del trionfo del governatore leghista Luca Zaia, magari in un tandem "d'opposizione" grazie ai voti dei grillini rimasti senza candidato.

"La terza tranche di Mafia Capitale" - Sarebbe una bordata con fortissimi echi romani, dove la partita è ancora incerta. Il sindaco Marino resterà al suo posto, giurano i dem. Ma intanto c'è la relazione esplosiva di Fabrizio Barca sullo stato del Pd nelle varie segreterie provinciali, ritratto impietoso di un partito "neo-feudale". E occhio, perché sempre la Stampa accenna a una "terza tranche dell'inchiesta" Mafia Capitale, "dagli esiti che al momento nessuno è in grado di prevedere". Il classico pizzino già spedito peraltro da un alleato di Renzi, l'alfaniano Fabrizio Cicchitto, qualche giorno fa via Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Tanino49

    14 Giugno 2015 - 14:02

    Orsoni e non Orsato....sorry

    Report

    Rispondi

  • vincenzocontadino

    14 Giugno 2015 - 12:12

    Amministrazioni all'Anm? Puglia e Bari, Napoli e ora Venezia? Male Amministrativa e rivolgersi al PM di Telekabul? Pensaci Giacomino!

    Report

    Rispondi

blog