Cerca

L'intervista

D'Alema torna in cattedra: "Vi spiego dove sbaglia Renzi"

D'Alema torna in cattedra: "Vi spiego dove sbaglia Renzi"

Dice che è "preoccupato, perchè se cede il Pd si apre la strada ai populismi". Ma sotto i baffi (e non è un modo di dire, nel suo caso), Massimo D'Alema si starà probabilmente facendo (in privato, ovviamente) delle grasse risate per le difficoltà che Renzi, il suo governo e la sua parte del Pd stanno incontrando. Certo, nell'intervista concessa al Corriere della Sera, dice di non avere "alcuna vis polemica, non mi arrabbio neanche più...". Ma poi parte con una lunga serie di bacchettate all'ex Rottamatore che la dicono lunga su cosa pensi di lui e sulla sua condotta politica: "Quello che è avvenuto è più che un campanello d' allarme. Ho letto dichiarazioni che attribuiscono responsabilità alle primarie, ai candidati. Ma come? Una volta le primarie facevano vincere e ora fanno perdere? Tutto questo non c' entra nulla. Quando c' è una tendenza che si manifesta in tutto il Paese e con tutti i candidati, salvo eccezioni, si è di fronte ad un fatto politico. Non ci vuole un grande analista per capirlo: una parte grande del nostro elettorato ci ha abbandonato e il crollo della partecipazione al voto è stato particolarmente forte nelle Regioni rosse".

E ancora: "Il fatto più grave? Tanti militanti e dirigenti hanno abbandonato il partito negli ultimi mesi e anziché capire che questo era il segno di un distacco progressivo di una parte importante dell' insediamento storico della sinistra, si è reagito con un atteggiamento sprezzante che ha finito per radicalizzare un sentimento negativo verso il Pd".

renzi, in tutto ciò, ha delle grosse responsabilità: "Si è illuso di avere oramai vinto e di poter fare da solo ma ha finito per deludere molte delle speranze che aveva suscitato. La disillusione è stata ancora più cocente. Di fronte a misure che hanno colpito il nostro popolo, la gente si è sentita tradita. È di oggi il provvedimento che permette alle aziende di spiare mail e telefonate dei dipendenti. Speriamo che venga modificato, ma il fatto stesso che il governo del Pd possa prendere un provvedimento del genere è inquietante"

Come se ne esce? "Ci vogliono coraggio e onestà intellettuale, non si può sempre dare la colpa agli altri. Alcune delle dichiarazioni attribuite a Renzi in questi giorni mi hanno preoccupato perché sembrano voler dividere anziché unire. Che senso ha dire: Marino deve avere paura? Renzi è il capo del governo e il segretario del partito. Non può liquidare una situazione così complessa con una battuta. Il sindaco di Roma è in una tempesta: o lo si sostiene o si va alle elezioni. Indebolirlo e lasciarlo a se stesso non mi sembra una buona soluzione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • viola52

    20 Giugno 2015 - 11:11

    D'Alema torna in cattedra: "Vi spiego dove sbaglia Renzi"................... è arrivato 'u professoreeeee...ma poi ci spiegherà dove sbaglia per noi o per isso???? ^_^

    Report

    Rispondi

  • solerosso34

    19 Giugno 2015 - 19:07

    a ragione d'alema, non cè bisogno di un analista per capire che la gente non va più a votare, ma la colpa non è di renzi . ma di d'alema e di tutti quelli che ci hanno rovinato facendoci trovare con una montagna di buffi ossia la destra la sinistra i sindacati e tutti i ladroni. d'alema a il lato b in faccia, sparisca dalla politica. i vecchi politici devono andarsene hanno dimostrato incapacità

    Report

    Rispondi

  • raf1943

    19 Giugno 2015 - 17:05

    D'Alema ha assolutamente ragione!!La luna di miele di Renzi con una gran parte dell'elettorato italiano e pidieppino è ormai sul viale del tramonto!Il centrodestra ora deve di corsa ricostruirsi e rinnovarsi,con la partecipazione di tutto il popolo dei moderati,maggioranza nel Paese,e senza più monarchi o nuovi personaggi adatti solo al palcoscenico mediatico,tipo Silvio,Salvini ecc...!

    Report

    Rispondi

  • kufu

    19 Giugno 2015 - 15:03

    Le critiche di Brunetta vanno bene, quelle di D'Alema no. Perchè?!? Ambedue criticano un esercizio del potere abusato

    Report

    Rispondi

blog