Cerca

Grossi guai

Caso De Luca, Renato Brunetta: "Forza Italia pronta a denunciare Matteo Renzi per abuso d'ufficio"

Caso De Luca, Renato Brunetta: "Forza Italia pronta a denunciare Matteo Renzi per abuso d'ufficio"

Il caso Vincenzo De Luca continua. La bomba del governatore "impresentabile" eletto in Campania può esplodere e spazzare via Matteo Renzi. Ad accendere la miccia dell'ordigno è Renato Brunetta, che nel corso di una conferenza stampa alla Camera non ha usato giri di parole. La posizione di Forza Italia è chiarissima: "Un minuto dopo la proclamazione De Luca dovrà essere sospeso. Se Renzi prende tempo per fargli nominare il suo vice e avviare l'attività politica in Campania, compie un abuso d'ufficio. Per questo abbiamo già pronta una denuncia alle autorità giudiziarie". Forza Italia, dunque, è pronta a denunciare il premier per abuso d'ufficio, una sfida totale a Palazzo Chigi.

"Game over" - Brunetta, per rendere ancor più concreta la minaccia, ha ricordato come Eugenio Scalfari, il fondatore di Repubblica, configurava la stessa ipotesi di reato, abuso d'ufficio appunto. "A me - ha ripreso Brunetta - interessa l'operato di Renzi, che non deve prendere in giro gli italiani, la legge e le istituzioni. Vogliamo evitare che commetta un reato e abbiamo aspettato questo momento per lanciare l'avvertimento. Sulla vicenda De Luca uso le sue stesse parole: game over", e il riferimento è alla frase del premier, pronunciata l'11 settembre 2013 a Porta a Porta, dopo la definitiva sentenza di condanna contro Silvio Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Dallus

    02 Luglio 2015 - 12:12

    Ci si ricordi che a Torri del Benaco in provincia di Verona c'è un suo uomo che è diventato sindaco (lista civica appoggiata da FI) pur sapendo che sarebbe stato sospeso per la legge Severino. La sospensione è arrivata solo dopo la nomina di giunta e vicesindaco. Brunetta allora dov'era?

    Report

    Rispondi

  • Dallus

    02 Luglio 2015 - 12:12

    Ci si ricordi che a Torri del Benaco in provincia di Verona c'è un suo uomo che è diventato sindaco (lista civica appoggiata da FI) pur sapendo che sarebbe stato sospeso per la legge Severino. La sospensione è arrivata solo dopo la nomina di giunta e vicesindaco. Brunetta allora dov'era?

    Report

    Rispondi

  • COUNSELOR

    20 Giugno 2015 - 11:11

    Speriamo non siano, come spesso è successo, solo parole.

    Report

    Rispondi

  • Franco Pezzali

    20 Giugno 2015 - 11:11

    Ma ci rendiamo conto cosa sono questi comunistoidi? Coi loro giornalisti e comici, prima, tutti contro Berlusconi, ed ora senza il cav sono spariti quasi tutti. Le critiche possono farle solo loro, si ritengono i più onesti, le regole le devono rispettare gli altri, loro possono governare a prescindere dalla Costituzione, dalle elezioni e senza regole democratiche. Votateli pure.....votateli pure!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog