Cerca

L'appuntamento

Matteo Salvini: una squadra di professori per rifare la Lega

Matteo Salvini: una squadra di professori per rifare la Lega

La Lega Nord si prepara alla Pontida di Matteo Salvini in programma per domani.  Il leader del Carroccio spiega, in un'intervista al Corriere della Sera che "la Lega è un movimento di liberazione e di governo". Matteo dà la carica, parte da Pontida ma guarda al futuro a una Lega nuova, che non rinnega però il luogo simbolo del partito. Oggi a Milano si svolge il congresso organizzativo. "Entreremo e usciremo come Lega Nord. Soltanto, si deciderà una diversa forma di autonomia delle Regioni al nostro interno. Però, è vero che stiamo aprendo il movimento. Il nostro programma sarà costruito insieme a parecchie decine di professori - assai diversi da Monti o dalla Fornero - e nelle prossime settimane avvierò una campagna di ascolto fitta di confronti con associazioni imprenditoriali e sindacali. Diversamente da quel che fa Renzi, un uomo solo contro tutti, la nostra proposta nascerà dal confronto. È una differenza fondamentale".  Salvini spiega come, a differenza del premier, lui non ha paura di costruire una squadra con i migliri. "Non abbiamo paura di chi è più bravo di noi".

I prof di Matteo - Salvini, graziee a questi esperti, vuole creare una Lega che piaccia anche a Sud-  "Le nostre battaglie storiche restano, dalla sicurezza al no a questo euro e all' immigrazione irresponsabile. In più, vogliamo dire a tutti che noi ci siamo, e siamo pronti a confrontarci su ogni tema, anche quelli non leghisti". Salvini sottolinea come in due anni la lega sia passata dal 4% al 16%. E spiega che il suo obiettivo è conquistare la metà degli italiani che, invece di andare a votare, se ne sta a casa schifata. E sulla possibile alleanza tra Carroccio e Cinque Stelle dice: "Varie volte io ho cercato di parlare con Beppe Grillo. La risposta è sempre stata la stessa: "Non mi interessa". Inoltre, il M5S quasi sempre nel concreto vota con la sinistra. È vero, a Laives, i grillini sostengono il sindaco leghista, il nostro primo in Sud Tirolo. Ma non è che da questo si possano trarre indicazioni nazionali. E poi, io voglio costruire. Fare strade e ospedali. Loro, non lo so. Però, mai dire mai". Per quanto riguarda infine i rapporti con Forza Italia Salvini spiega che sull'Europa le distanze restano e sulla corruzione pure "vorrei vedere un impegno netto nel non candidare figure disponibili".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miraldo

    20 Giugno 2015 - 20:08

    Vere parole da leader quelle di Salvini. Giusto che in un partito ci siano dei veri cervelle pensanti, e non come nel Pd M5S e Forza Italia dove i cervelli le mangiano solo fritti.

    Report

    Rispondi

  • pinodipino

    20 Giugno 2015 - 17:05

    Salvini " io voglio costruire strade e ospedali " ma perché non li ha costruito in tutti gli anni in cui è stato al Governo con Berlusconi ??? Forse non c'era cemento a sufficienza! TUTTO FASULLO !!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • igiulp

    20 Giugno 2015 - 14:02

    Bravo Salvini. Alla faccia di tutti quelli che ti danno per becero, ignorante e razzista. Concretizza questi tuoi pensieri e il popolo, quello che ragiona e che non ha portato il cervello all'ammasso, ti seguirà perché la tua, è la strada giusta.

    Report

    Rispondi

  • pat.en1965

    20 Giugno 2015 - 11:11

    Salvini voglio vedere quando vi tagliate lo stipendio, oppure iniziate a tagliare tutti i vitalizi e pensioni d'oro...allora si che il m5s si potrebbe avvicinare a voi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog