Cerca

L'affondo

Alessandro Sallusti: "Perché l'alleanza Matteo Salvini e Beppe Grillo non funzionerà"

Alessandro Sallusti

Alessandro Sallusti

E' scettico, molto scettico, Alessandro Sallusti sull'asse tra Beppe Grillo e Matteo Salvini. Nel suo editoriale su Libero del 20 giugno spiega che, per quanto suggestiva, l'ipotesi dell'alleanza non sarà gradita agli elettori. Se da un lato è vero che i due partiti hanno molti punti di contatto, se è vero che ventidue per cento di Grillo più un quindici di Salvini fa trentasette, bisogna fare anche i conti degli elettori. "Tutto infatti sta in piedi fino a che non si va a battere cassa dagli elettori. E onestamente, quelli di Salvini e quelli di Grillo hanno ben poco in comune. Anzi. Il popolo dei «fascio leghisti» (come lo chiama con disprezzo la sinistra) e quello degli «anarchico comunisti» cinquestellati sono tra loro incompatibili per storia, visione e cultura. A un elettore si può chiedere di tutto, non di andare contro la propria natura".  La conclusione è semplice: "22 più 15 in questo caso non farà mai 37, e la somma di due leader mai una leadership, per buona pace dei mestatori"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • al59ma63

    21 Giugno 2015 - 11:11

    Gli elettori di GRILLO sono buoni solo a consumare tastiere, giovani senza esperienza e molto arrabbiati che si sono messi con chi li sfrutta per tornaconto personale, CHI crede che Grillo e Casaleggio facciano gli interessi dell' Italia e non i propri avra' grosse delusioni, pensano solo a insediarsi e legiferare per eliminare i propri avversari politici, in stile nazifascistoide...poveretti!!

    Report

    Rispondi

  • COUNSELOR

    20 Giugno 2015 - 12:12

    Pienamente d'accordo con Sallusti. Salvini è persona intelligente, lo sa che sarebbe un matrimonio contro natura, e non lo farà.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    20 Giugno 2015 - 11:11

    Può anche aver ragione Sallusti, però oggi l'obiettivo comune dev'essere uno solo. tirar giù l'attuale governo. Su tutto il resto c'è tempo e spazio per ogni sorta di accordo perché, lo ricordo, se riuscissimo ad abbattere il governo entro l'anno, si tornerebbe a votare con il proporzionale puro, dopodiché si farebbero i conti dei numeri veri.

    Report

    Rispondi

  • massimomazzu63

    20 Giugno 2015 - 11:11

    Secondo me la somma non fa 37%, ma 51%. E che il sallusti se ne faccia una ragione, il suo padrone Berlusgonzo cercherà come sempre di fregare la Lega (già successo molte volte), ma questa volta ci lascerà i denti !!!

    Report

    Rispondi

    • gianbus52

      21 Giugno 2015 - 05:05

      Non è Berlusconi che tradisce caso mai la lega ma Berlusconi fino adesso e' sempre stato di parola fino a prova contraria

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog