Cerca

Il mondo alla rovescia

Poliziotti fermano un clandestino: puniti dal superiore

Non una storia inventata e nemmeno un articolo razzista. Ma il resoconto di un episodio denunciato dal Consap (sindacato di polizia) e sottoscritto dal segretario regionale del Molise, Peppino Pica. A leggere sembra di vedere il mondo alla rovescia. Perché a essere puniti stando al sindacato, sono i due poliziotti che hanno fermato il clandestino pregiudicato che ha dato di matto nel centro di Campobasso. Motivo della punizione? I due agenti hanno fatto quattro ore di straordinario, costando ciascuno 25 euro in più allo Stato. Che in totale fanno 50. Il loro turno di lavoro sarebbe dovuto cessare alle ore 13, proprio nei minuti in cui stavano per fermare e identificare lo straniero pregiudicato, e invece i due hanno chiuso il verbale alle 17. E solo a quell' ora hanno smontato.

I FATTI Veniamo ai fatti. Ultimi giorni di maggio. Centro di Campobasso. È quasi mezzogiorno. Un abitante vede un uomo di colore gettarsi a terra e gridare fra le macchine parcheggiate in centro città. Chiama il 113. Arriva la volante. L' uomo in escandescenza è un nigeriano senza documenti. A carico ha una sfilza di precedenti di Polizia e un provvedimento di allontanamento dall' Italia emesso ad aprile, guarda il caso non ottemperato. Il nigeriano, come da protocollo, viene portato in Questura per essere identificato. Foto, impronte digitali, tutto inserito nella banca dati. È pregiudicato, irregolare. Scatta la denuncia a piede libero e l' invito (come indica la prassi) a recarsi, volontariamente, il giorno dopo, all' Ufficio stranieri per le pratiche di espulsione. Tutto «normale», se non fosse che ai due agenti viene contestato il fatto che, per fare questa attività di controllo dello straniero, hanno fatto 4 ore di lavoro straordinario.


Nessuno, secondo il Questore di Campobasso Raffaele Pagano, aveva autorizzato i due agenti a proseguire oltre il loro normale orario di servizio. Non erano stati autorizzati, insomma, a fare lo straordinario. E per questo, secondo quanto denuncia il Consap, ne è stata inflitta la punizione. Dice il segretario Peppino Pica: «Possibile che in tempi in cui il fenomeno dell' immigrazione diventa sempre più complesso e inarginabile, due poliziotti, dopo aver passato sei ore in strada, obbligati improvvisamente a rimanere a lavorare ininterrottamente fino al pomeriggio avanzato, siano stati puniti per avere fatto il loro dovere. Quale autorizzazione ci sarebbe voluta per compiere il proprio dovere?».  Ancora, dice Pica annunciando una interrogazione parlamentare: «Non si fossero comportati come hanno fatto, si sarebbero potuti rendere colpevoli di omissione di atti d' Ufficio».


Contattato, il Questore di Campobasso Raffaele Pagano, ha delegato il suo portavoce a riferire: «Il provvedimento disciplinare inflitto ai due poliziotti si riferisce alla trasgressione di un ordine interno del quale la Questura non intende rivelare la natura». Mistero, dunque. E un' altra domanda senza risposta: dov' è finito il clandestino pregiudicato da espellere?
Per bloccare il nigeriano che dava di matto hanno sforato l' orario Poliziotti fermano un clandestino: puniti dal superiore.

Cristiana Lodi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    22 Giugno 2015 - 22:10

    Complimenti al Questore di Campobasso, adesso ho maggiormente capito perché in questo paese ci troviamo nella "merda". Pensavo solo per merito dei politici, invece mi mancava questa parte dell'apparato pubblico. Ancora complimenti futuro Capo della Polizia. Il giusto destino per codesto servitore non dello Stato ma di Renzi&Alfano.

    Report

    Rispondi

  • Floriana54

    Floriana54

    22 Giugno 2015 - 21:09

    Supponendo che ad un certo punto si decida di rimandarli nei loro Paesi, secondo voi quali e quanti mediatori culturali, enti umanitari, distaccamenti di polizia e dell'esercito sarebbero necessari per "convincerli" a salire su navi/aerei (per andare in Paesi islamici, sicuramente più congeniali dell'Europa, considerando la loro fede tanto ossessivamente esibita e reiterata)?

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    22 Giugno 2015 - 15:03

    Possiamo citare tutte le leggi che vogliamo che tanto, alla fin fine, se si decide di non applicarle,restano parole al vento. Un po' come per il reato di clandestinità. Era previsto,si, ma non riconosciuto dai giudici quindi di fatto come se non esistesse. Lo Stato é ladro e complice degli immigrati, in una parola,comunista. Se non facciamo qualcosa di concreto non cambierà mai niente.

    Report

    Rispondi

  • scorpio53

    22 Giugno 2015 - 11:11

    quanti di voi sono a conoscenza di quanto recita l'art 328 del codice penale? " omissione d'atti di ufficio" informatevi e, in virtù che il codice penale è prevalente su qualsiasi regolamento interno delle varie amministrazioni, amche statali, si deduce che gli agenti non dovevano essere puniti ed ora che i magistrati conoscono le carte, dovranno a loro volta denunciare il questore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog