Cerca

L'asso del premier

De Luca ineleggibile, Matteo Renzi ha pronto il decreto per farlo governare e poi sospenderlo. Così dribblerà la Severino

De Luca ineleggibile, Matteo Renzi ha pronto il decreto per farlo governare e poi sospenderlo. Così dribblerà la Severino

Un decreto, già pronto, per permettere a Vincenzo De Luca di dribblare la legge Severino e governare la Campania, sia pure per interposta persona. Matteo Renzi era disposto ad accelerare martedì sera, poi si è preso un po' di tempo: attende alcuni pareri tecnici che lo possano blindare da eventuali scivoloni giuridici, ma la linea è tracciata. Il premier sospenderà il neo-governatore campano del Pd, eletto ma ineleggibile ai sensi della legge Severino, appunto.

La bomba giudiziaria - Renzi avrebbe dovuto già sospenderlo, secondo molti, ma non l'ha fatto per "evitare la paralisi assoluta", come ha spiegato ai suoi. Il rischio, rifletteva, è che qualche magistrato gli possa contestare l'omissione di atti di ufficio, una bomba ad orologeria che si andrebbe ad aggiungere alla già lunga trafila di beghe del governo. Ma la legge Severino, riflette Renzi, è lacunosa: non indica tempi precisi per l'intervento del presidente del Consiglio.

Sospeso, ma governerà - Da qui l'ultima mossa: sospensione sarà, ma sulla base di un decreto che la imponga solo dopo l'insediamento dello stesso governatore (o sindaco). Il cavillo è fondamentale: in questo modo De Luca, nel caso specifico, potrà scegliere e nominare il vicepresidente che ne farà le veci e amministrerà la Regione al posto suo. Forse non sarà un "decreto ad personam", ma ci siamo quasi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    25 Giugno 2015 - 16:04

    PD Partito di compagni di merende, Italia in che mani sei caduta? Un Italiano in Germania.

    Report

    Rispondi

  • micale.gaetano

    25 Giugno 2015 - 15:03

    Era scontato ! Solidarietà assoluta fra magistrati Se fosse stato Berlusconi ci sarebbe stata la stessa sentwenza

    Report

    Rispondi

  • encol

    25 Giugno 2015 - 09:09

    In un partito di LADRI e TRUFFATORI non può andare che così. Nel PCI ( ha cambiato tanti nomi ma sempre quello è) le truffe si fanno a 360°. Guardate gli operai con tessera del partito e tessera del sindacato li truffano da 70anni solo ora qualcuno si accorge dell'imbroglio.

    Report

    Rispondi

  • fgiannattasio

    24 Giugno 2015 - 20:08

    E' la dimostrazione che le leggi li fanno con i piedi ed a ragion veduta così quando colpisce ,gli amici degli amici,si può interpretare e manipolarla.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog