Cerca

Sondaggio Ipsos

Immigrazione, due italiani su tre bocciano l'operato del governo Renzi

Immigrazione, due italiani su tre bocciano l'operato del governo Renzi

Certo, c'è la crisi economica. Per il 40% degli italiani resta quella la minaccia più grave per il futuro loro e del Paese secondo un sondaggio Ipsos per RaiNews riportato oggi dal Corriere della Sera. Ma quella percentuale era del 67% nello scorso dicembre, e quindi in netto calo negli ultimi sei mesi. La "nuova" paura degli italiani pare essere legata all'immigrazione, che ormai da mesi sta tenendo banco sulle prime pagine dei giornali e in tv. Se nel dicembre 2014 era percepita come una minaccia grave dal 13% degli italiani, oggi lo è dal 25%. In pratica, il numero di italiani che la considerano la principale minaccia è raddoppiato in sei mesi. Come, sempre rispetto a sei mesi fa (e le due cose vanno forse un po' a braccetto), è cresciuta la paura nei confronti del terrorismo, vista come la peggior cosa dal 21% dei nostri connazionali (era all'8% in dicembre e al 35% in marzo, subito dopo l'attentato al museo del Bardo di Tunisi). Giù dal podio delle paure degli italiani c'è "la diffusione di ideologie e movimenti di stampo populista" (vedi Lega Nord), percepita come una minaccia dal 6% degli italiani. Il 3% teme gli effetti della instabilità in Libia, un altro 3% la crisi tra Europa e Russia, il 2% eventuali problemi di approvvigionamento energetico, gas e petrolio.

Il tema dell'immigrazione sta costando assai caro al governo Renzi. Lo stesso sondaggio Ipsos rivela che il 34% degli intervistati (ovvero uno su tre) giudica "molto negativamente" l'operato dell'esecutivo, che "non tutela l'interesse nazionale". Un altro 32" lo giudica "negativamente" perchè "il governo italiano non è in grado di dettare una linea comune". In pratica, due italiani su tre ritengono che l'esecutivo stia reagendo male alla minaccia degli sbarchi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    29 Giugno 2015 - 14:02

    Voglio i contro barconi .... arrivate bottiglietta d'acqua cibo vestiti puliti eppoi , risali sul barcone che ti riporta da dove sei venuto.. Qui in Italia , clandestino puzzolente , non ti vogliamo. !!!

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    29 Giugno 2015 - 14:02

    Va' creato un corridoio per poterli riportare anche paracadutarli nei loro paesi di origine ,devono capire che nessun paese li vuole. Che usino i canali della legalita' e non della cladestinita'. Se sei clandestino mi starai sempre sulle palle qualsiasi sia la condizione del tuo paese. Se stai in un paese in guerra ...fai la guerra coniglio di un clandestino sporco portatore di malattie.

    Report

    Rispondi

  • gale84u

    29 Giugno 2015 - 09:09

    continua il motto utilizzato dai romani: divide et impera ( e nessuno fa niente), prima era panem et circense il latino sara sbagliato ma resta l'idea .

    Report

    Rispondi

  • fgiannattasio

    28 Giugno 2015 - 00:12

    Un governo che spalanca le porte a chiunque e, non li sa gestire, crea le condizioni per la disgragazione della coesione sociale .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog