Cerca

Ixè per Agorà

Sondaggio: salgono i 5 Stelle, giù la Lega. Stabili Pd e Forza Italia

Sondaggio: salgono i 5 Stelle, giù la Lega. Stabili Pd e Forza Italia

Uno dei capolavori di Silvio Berlusconi è stato quello di sottrarre al principale partito della sinistra il monopolio sulle preferenze dei ceti a basso reddito. Un fenomeno che, all'inverso, ha visto il Pds prima, l'Ulivo poi e il Pd oggi diventare il partito dei ceti benestanti. effetto, questo, del carattere "pop" del cavaliere e dell'elitarismo che a molti leader di sinistra è piaciuto esibire negli anni passati. Con l'avvento di Matteo Renzi alla guida dei democratici e del governo, ci si poteva attendere un "ritorno al passato": ovvero il riacquisto da parte del suo partito di ampie quote di votanti meno benestanti. Non fosse altro che per le analogie che molti vedono tra Renzi e Berlusconi. Un sondaggio Ixè realizzato in esclusiva per Agorà (Raitre), mostra invece come il Pd continui a spopolare tra gli elettori di reddito medio-alto, tra i quali spopola al 42,8% (una percentuale persino superiore allo storico risultato ottenuto dal Pd alle Europee del 2014). Tra i redditi a ceto basso, invece, il Pd di Renzi si ferma addirittura all'8,5%. Forza Italia continua a riscuotere altre preferenze tra i meno abbienti (27,2%), mentre tra i più ricchi si ferma all'8,5%.

Per quanto riguarda i risultati complessivi del sondaggio, dopo alcune settimane di flessione il Pd torna a salire, seppure di 0,1%: il partito di Matteo Renzi si conferma primo partito italiano, con il 33,9%, davanti al Movimento 5 Stelle al 22,1% (+0,4%) e alla Lega Nord (15,6%,con un calo dello 0,3%). Forza Italia resta ancora sotto il 10% (9,8%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • meriscassago

    30 Giugno 2015 - 18:06

    Il PD di Renzi non è un partito di sinistra non solo per le politiche economiche troppo sbilanciate a detra ma soprattutto per la limitazione della libertà popolare che il cambiamento delle riforme istituzionali e legge elettorale hanno apportato. Spaventa il continuo concentrare le decisioni nelle mani di un solo capo. Per questo avanzano le opposizioni.

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    28 Giugno 2015 - 16:04

    Dai commenti deduco che non si è capito come funziona: Il gettito di 5, 8, e 2 Xmille è comunque assegnato sia che si firmi che nn si firmi. Se si firma va al soggetto scelto se non si firma viene ditribuito proporzionalmente ai soggetti in base alle scelte ricevute. Se la chiesa cattolica ha l'80%di scelte espresse, avrà anche l'80% del gettito rimasto inespresso. E così vale per tutti e 3 i casi

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    28 Giugno 2015 - 16:04

    Perchè non l'avevate ancora capito?

    Report

    Rispondi

  • tingen

    28 Giugno 2015 - 13:01

    Ormai Forza Italia è un partito che ogni giorno perde elettori, nel centrodestra ci sono valide alternative.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog