Cerca

Effetto farfalla

Sondaggio Datamedia, la crisi greca fa crescere Lega Nord e Movimento 5 Stelle

Sondaggio Datamedia, la crisi greca fa crescere Lega Nord e Movimento 5 Stelle

Se il battito d'ali di una farfalla può provocare un uragano dall'altra parte del mondo, non c'è da stupirsi che sullo scenario politico in Italia si temano gli effetti del precipitare della crisi greca di questa settimana. L'acceso dibattito sulla possibilità dell'uscita dall'euro della penisola ellenica - rimessa all'esito del referendum di domenica e alle conseguenti evoluzioni del caso -, e sulla posizione di predominio della Germania in un'Europa in difficoltà, hanno infiammato nelle ultime settimane anche il dibattito politico nel Belpaese, determinando modifiche nell'orientamento del consenso degli italiani. Come si presenterebbe dunque la situazione se si andasse al voto adesso?

Il sondaggio - Il quadro tracciato dalla rilevazione di Datamedia Ricerche per il quotidiano Il Tempo ritrae le intenzioni di voto degli italiani ad oggi, confermando alcune tendenze che già emergevano nei precedenti sondaggi. Si nota subito che partiti come Lega Nord e Movimento 5 Stelle, che sui punti nevralgici dell'attualità messi in evidenza stanno basando il loro messaggio politico, confermano un trend positivo che li vede rispettivamente avanzare dello 0,1% nel favore degli italiani, attestandosi al 15,3% il primo - valore triplicato dalle elezioni politiche del 2013 - e al 22,4% il secondo.

Azzurri giù - Negativo invece il trend di Forza Italia, che vede il consenso nei suoi confronti calare dello 0,2% fermandosi al 12,3 per cento. In flessione anche il Pd dello 0,1% che comunque si riconferma il primo partito italiano attestandosi al 34,2%; emerge come dato stabile la fiducia nel Presidente del Consiglio Matteo Renzi, immobile al 36 per cento. Stazionari nel consenso degli italiani si ripresentano Area Popolare Ncd-Udc (2,7%), Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale (4,1%) e infine Sel (3,8%). In ascesa dello 0,1% gli altri partiti, che si fermano al 5,2%.

La rivolta - In questa quantità di dati, ce ne sono alcuni che ancora una volta testimoniano la sfiducia degli italiani. Infatti ci sono altri due "partiti" in ascesa in Italia: quello degli indecisi e quello dell'astensione, che continuano a fare proseliti tra gli insoddisfatti della politica nostrana. Infatti crescono entrambi dello 0,1%, attestandosi rispettivamente al 17,3% e al 33,7 per cento. Stabile invece a 2,1 la percentuale degli italiani che voterebbe scheda bianca o nulla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elleti

    15 Luglio 2015 - 22:10

    La Lega, purtroppo, e' propro il partito di sistema che viene sputazzato ovunque per impedire ai 5 Stelle di andare al governo e cambiare le cose. La Lega e restera' un satellite berlusconiano di quell'humus governativo che ci ha ridotto dove siamo. Immigrazione inclusa. Perche' mentre mentono a tutti, fingendo un reato di clandestinita' MAI abolito, la sciagura di Dublino II l'han firmata loro

    Report

    Rispondi

  • claudio franza

    03 Luglio 2015 - 13:01

    Il problema immigrazione ha fatto gonfiare via via le percentuali di 5stelle e lega, Ora con il Grexit un'altra ventata a favore sempre di loro. Aspetto un altro accadimento stile Grecia e che porterebbe 5stelle e lega al governo.

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      04 Luglio 2015 - 18:06

      Condivido, aggiungerei che basterebbe già come stanno le cose se si potrebbe votare ma datosi che stiamo diventando un paese sotto dittatura in quanto 3 presidenti di consiglio che tra parentesi uno peggio dell'altro specialmente l'ultimo ma non danno ne la possibilità di votare e tanto meno non si possono fare referendum.

      Report

      Rispondi

  • fausta73

    03 Luglio 2015 - 07:07

    beh, certo: con grillo che esce dall'euro, stampa le lire e le regala... è un default garantito. D'altra parte lui vuole il default e non vuole pagare il debito ( che sono i soldi degli italiani investiti in titoli di stato). Quanto a Salvini la tassa unica al 15% sarebbe un altro disastro a vantaggio dei ricchissimi. Ma persone equilibrate non ce ne sono in politica?

    Report

    Rispondi

    • sturmtruppen

      03 Luglio 2015 - 10:10

      pure abbeluscone vuole una tassa unica, leggermente piu alta della lega ma sempre bassa. E' uno squilibrato anche lui?

      Report

      Rispondi

      • ramadan

        03 Luglio 2015 - 14:02

        per sturmtruppen: bè uno che si fa fregare 7 milioni da" belle ragazze" mi sembra che equilibrato proprio non si può dire. ma più squilibrati ancora mi sembrano coloro che credono in lui.

        Report

        Rispondi

        • Bolinastretta

          03 Luglio 2015 - 14:02

          ramadan - al di la che ormai (spero pocchissimi) credano ancora in lui si osservi quanti allocchi invece credano in Renzi che se li fa fregare dalla culona & banche!!! Ma .... un conto è farseli fregare, un conto è possederne una "valanga" di certo essere un puttaniere, ma consapevole e pagante!!! ....sarai forse geloso???

          Report

          Rispondi

      • antoniofasano

        03 Luglio 2015 - 13:01

        si!

        Report

        Rispondi

    • peppefreddi

      03 Luglio 2015 - 08:08

      Baggianate.

      Report

      Rispondi

blog