Cerca

Il fronte

Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Beppe Grillo: "Ora referendum sull'euro anche in Italia"

Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Beppe Grillo: "Ora referendum sull'euro anche in Italia"

Vince il "no" in Grecia, e la "voglia di referendum" invade l'Italia. Almeno una (grande) parte d'Italia. Matteo Renzi aveva derubricato (improvvidamente) la consultazione ellenica a "minor pericolo rispetto all'Isis", ergo per il premier questo voto è soltanto una barzelletta. Ma per le opposizioni il referendum di Atene è qualcosa di storico, di importante, di decisivo. Apre le danze Giorgia Meloni, che intervista da Il Tempo attacca: "Il voto greco dice basta all'Ue degli strozzini, dei creditori, degli egoismi nazionali di pochi che piegano la sovranità di molti. Riprendiamoci la nostra sovranità e diciamo no agli interessi di pochi capi di Stato". Insomma: "Referendum anche in Italia". Al coro si unisce, subito, anche Matteo Salvini, che da tempo insiste per una consultazione: "A prescindere dal risultato, l'Europa deve cambiare trattati e moneta. La vittoria del no è uno schiaffone agli europirla che ci hanno portato alla fame". Infine Beppe Grillo, il leader di quel M5s che del referendum sull'euro ha fatto uno dei suoi capisaldi. In diretta da Atene, ai microfoni de La7, ha tuonato: "Nessuno ci ha chiesto se volevamo entrare nell'euro. Noi vogliamo chiedere ai cittadini se ci vogliono restare". Il fronte italiano del referendum cresce, si allarga. Meloni, Salvini e Grillo: un trio che se trovasse compattezza e unità politica sul punto (in attesa di un segnale anche dalla Forza Italia di Silvio Berlusconi) potrebbe puntare in alto, molto in alto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • silmabru

    14 Luglio 2015 - 17:05

    Tsipras ha avuto il coraggio del referendum, poi ne ha tradito il risultato. Tuttavia ha attaccato la UE, una struttura inutile che persegue solo la truffa economica, lo sfruttamento dei popoli e si è sottomessa ad una donna ex spia della stasi, obbrobriosa più della fornero, corrotta, odiosa, che a sua volta odia l'occidente proprio come reminiscenza del suo odio di tedesca orientale.

    Report

    Rispondi

  • nordest

    08 Luglio 2015 - 16:04

    Via da questo euro infame serve solo per i gia ricchi.

    Report

    Rispondi

  • giacomino2010

    07 Luglio 2015 - 11:11

    se fosse possibile un trio cosi' sarebbe un governo con maggioranza bulgara basta che siano d'accordo sul civile reddito di cittadinanza

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    07 Luglio 2015 - 08:08

    fare un referendum sull'euro è come giocare a testa o croce. Chi governa deve assumersi la responsabilità delle decisioni e non scaricarle sul popolo che di economia non se ne intende e poi dire: beh, siamo falliti ma lo ha deciso il popolo. Chi non sa prendere decisioni non si candidi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog