Cerca

Non invitato

Grecia, la vittoria del No al referendum è la sconfitta di Matteo Renzi: schierato con il Sì e la Merkel, snobbato dall'Europa

Grecia, la vittoria del No al referendum è la sconfitta di Matteo Renzi: schierato con il Sì e la Merkel, snobbato dall'Europa

A guardare il panorama politico italiano, con il trionfo del No al referendum greco sembra che abbiano vinto tutti. Passi per i compagni di Sel in trasferta lampo ad Atene, o per i grillini in piazza Syntagma a esultare con i greci, ora anche il presidente del Consiglio Matteo Renzi prova in qualche modo a ritagliare la sua vittoria: "Io lo avevo detto". Davanti al risultato ormai conclamato, racconta un retroscena su La Stampa che già Renzi avesse già dimenticato il suo coraggiosissimo abbraccio ad Angela Merkel di una settimana fa: "Non sono per niente stupito, avevo scommesso con Lotti ch il no avrebbe vinto 70 a 30" e la motivazione fa anche amaramente ridere: "La posizione del Sì era debole". Solo non conoscendo la grande considerazione che il premier ha di sè si potrebbe pensare a un'autocritica responsabile e autorevole. Renzi ha preso una posizione radicalmente opposta a Tsipras, tanto da incassare le critiche durissime di uno dei consiglieri del dimissionario ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, che lo aveva definito: "Un folle nel prendere posizione con la Merkel, come se l'Italia - diceva l'economista - fosse già fuori dalla crisi come la Germania". Renzi prova a fingere di non ricordare come aveva quasi snobbato il voto greco di domenica scorsa, anzi aveva parlato di "errore" e della necessità di "buonsenso". Per lui il pericolo del terrorismo islamico doveva avere priorità anche nei confronti dell'imminente uscita dall'euro della Grecia, non proprio così lontano e diverso dall'Italia. Non ci ha visto proprio lungo.

Isolato - Per avere la cifra di quanto pesi il governo italiano negli equilibri europei, basta vedere l'agenda dei capi di stato Ue di oggi. Poco dopo l'apertura di Piazza Affari, Renzi incontrerà il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Nella stessa giornata, la cancelliera tedesca Merkel volerà a Parigi per parlare con il presidente francese Francois Hollande. E Renzi? Si aggiornerà dalle agenzie di stampa su quel che avranno deciso i due e forse li incontrerà, con tutti gli altri paesi dell'eurozona, martedì 7 luglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    07 Luglio 2015 - 19:07

    La troika lo tratta come un zerbino e lui e`fesso e contento. Un Italiano in Germania.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    07 Luglio 2015 - 16:04

    l'infatuazione per Renzi continua sui media, in specie tv, qualcuno però comincia a vedere che il re è nudo (vedansi qui sotto); nessuno però dice che Renzi, coadiuvato da Alfano, non fa nulla per bloccare l'invasione clandestina

    Report

    Rispondi

  • gerardo.somma

    07 Luglio 2015 - 11:11

    e che si aspettava di più, perchè lui crede di aver mai contato qualche cosa?

    Report

    Rispondi

  • Tino61

    07 Luglio 2015 - 10:10

    Renzi per i politici europei non è altro che una presenza di circostanza, non viene minimamente considerato ne come politico ne come persona fisica, la storia insegna che quando ti devi rappresentare il campione che esibisci deve essere forte o astuto, il nostro è mollaccione e ottuso, si presenta con sorrisetti e smorfie tonte, che speranze di riuscita pensiamo di avere

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      07 Luglio 2015 - 18:06

      Burlesque, invece, si presentava col cu-cù e le corna: abbiamo visto in che considerazione lo hanno tenuto Sarkozy e la Merkel, sia nella fmosa scena del sorrisino di compatimento, che nel filmato dove si vedeva lui al convegno, girare su e giù da solo, alla ricerca disperata di qualcuno che si curasse di lui. Anche quando ha piagnucolato con Obama per i cattivi giudici che lo perseguitavano.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog