Cerca

La profezia

Grecia, Enrico Letta: "Con Grexit Italia paese più colpito, sarà contagio politico"

Grecia, Enrico Letta: "Con Grexit Italia paese più colpito, sarà contagio politico"

L'Italia "sarebbe il Paese più colpito" da una eventuale Grexit, con il rischio altissimo di "un rapido contagio politico", perché "se l'Europa implode, è assolutamente possibile che alle elezioni di autunno la Spagna passi in mano agli anti-europeisti e poco dopo lo stesso destino possa colpire l'Italia". Ad agitare lo spettro di Matteo Salvini e Beppe Grillo in faccia a Matteo Renzi è l'ex premier Enrico Letta, che da Renzi è stato sfrattato da Palazzo Chigi un anno e mezzo fa senza troppi complimenti, usando un eufemismo. Intervistato dalla Stampa, il dimissionario deputato del Pd e grande esperto di cose estere delinea uno scenario inquietante per l'Unione europea: "Siamo già dentro il secolo asiatico, ma a questo punto, se non saremo uniti e non ci daremo una forza politica, passeremo dal ruolo di rules-setter a quello di rules-taker, da quelli che le regole le hanno scritte per secoli a quelli che le regole le apprenderanno da chi le scriverà da ora in poi". Oggi ci sono solo due opzioni: "O più Europa o meno Europa. L'attuale status quo non regge più. I sostenitori di più Europa non riescono a fare un passo avanti e la loro idea è talmente incompiuta che rischia di distruggere l'idea stessa di Europa".

Cosa rischia l'Italia - Secondo l'europeista convinto Letta bisogna dunque pensare in grande, cambiare: "Servono le due velocità. Sul binario meno veloce, l'Unione attuale a 28 Paesi, senza ulteriori processi di integrazione, per favorire una piena e convinta permanenza al suo interno della Gran Bretagna. Sull'altro, l'Europa della zona euro che deve accelerare il percorso di integrazione". A rischiare di più rispetto al fallimento del caso Grecia sarebbe proprio l'Italia, in quanto siamo "più esposti della Germania in rapporto al Pil, perché abbiamo più bisogno di ripresa, per calmare una situazione sociale ferita; perché, a crisi perdurante, le famose macro-condizioni potrebbero subire una pericolosa inversione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    07 Luglio 2015 - 09:09

    Caro Letta, tutta la mia solidarietà sullo "stai sareno". Ma sai, io sono un po' gnucco, non troppo intelligente, mi spieghi cosa vuol dire "accellerare il processo di integrazione"?

    Report

    Rispondi

  • Gianluigi2015

    07 Luglio 2015 - 09:09

    l'Europa rischia solo perchè si è permesso ad un popolo di 11.300.000 individui di esagitati e rancorosi imbroglioni, demagoghi, ricattatori, lavativi, corrotti ed evasori fiscali di farne parte e addirittura di adottare l'euro. Ora sono diventati un virus in grado di far crollare tutto perchè meno 3.800.000 di loro (1.1% della zona euro) hanno detto no in un referendum carnevalata perchè non vogliono tirare fuori i quattrini per ripagare almeno in minima parte i loro debiti, sono senza dignità.

    Report

    Rispondi

  • lucianaza

    07 Luglio 2015 - 09:09

    ha parlato quello che ha detto "l'Italia sarà un Paese più moderno con la Kyenge al governo!"

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    07 Luglio 2015 - 08:08

    Perché lasciar parlare tutti questi che hanno già clamorosamente fallito?

    Report

    Rispondi

blog