Cerca

Canzonette rosse

Sanremo, Berlusconi: "Se fosse festival dell'Unità gli italiani non dovrebbero pagare il canone"

La kermesse musicale è pronta. Una squadra di sinistra tra conduttori, ospiti e comici è pronta ad entrare nella campagna elettorale. E Silvio puntualizza: "La Rai ha sbagliato tutto"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Il Festival "rosso" sta per partire. Ospiti, artisti e comici sono una batteria di sinistra senza precedenti sul palco dell'Ariston. A due settimane dal voto c'è il timore che Sanremo diventi un'occasione per influenzare la campagna elettorale. Silvio Berlusconi, ospite ad Uno Mattina su Rai1 ritorna sulle polemiche di questa settimana sulla kermesse musicale e attacca: "Non vorrei che il festival della canzone diventasse il festival dell’Unità. Già abbiamo una legge disgraziata come la par condicio. Trovo che la decisione della Rai sia sbagliata, non ci voleva niente a spostarlo di due settimane, se poi Sanremo si trasformasse in un festival dell’Unità, sono certo che la Rai non avrebbe più il pagamento del canone da parte del 50% dei cittadini italiani. Io intanto non temo Crozza, lo giudico molto bravo e simpatico e mi diverto anche quando fa la mia caricatura molto azzeccata". Insomma il Cav non lo dice chiaramente ma l'invito allo sciopero del canone è nell'aria. Gli italiani che pagano l'odiosa tassa di 113,50 euro all'anno, vorrebebro forse vedere una manifestazione canora e non una riedizione di Che tempo che fa di Fabio Fazio. 

La Rai ha sbagliato tutto - Le polemiche sul festival erano cominciate sabato scorso quando il Cav senza giri di parole aveva chiesto di spostare Sanremo dopo le elezioni. Un inviperito Fabio Fazio aveva risposto: "Spostarlo sì, ma dove?". Da lì una pioggia di polemiche. Ma ad analizzare bene gli ospiti e i conduttori la situazione è chiara: il festival ha una connotazione "rossa" innegabile. Fabio Fazio, Luciana Litizzetto, Carla Bruni, Claudio Bisio, Serena Dandini, Maurizio Crozza e tanti altri. Un "partito della tv", pronto ad entrare in campo proprio nel rush finale della campagna elettorale. Silvio l'ha detto chiaramente: "La Rai ha sbagliato completamente a non spostare il festival". Domani si alza il sipario. Comincia uno spettacolo che di artistico ha ben poco. Sarà una convetion in salsa musicale della sinistra che ha paura di perdere. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sberlusca

    11 Febbraio 2013 - 20:08

    Ho notato che per Berlusconi parlare o cacare è uguale, gli esce sempre la stessa roba, di sotto e di sopra.

    Report

    Rispondi

  • voiturderi

    11 Febbraio 2013 - 19:07

    quelle canzoni oltre che 'il vento soffia ancora' le riserviamo x il 25/2

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    11 Febbraio 2013 - 17:05

    Si deduce, dal livello dei suoi commenti, che lei fa le "o" col bicchiere quando scrive senza tastiera.

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    11 Febbraio 2013 - 17:05

    Il canone Rai NON andrebbe pagato. Solo perchè si possiede un tv ci impongono, obbligano a pagare un canone fra l'altro anche salato per quello che fanno vedere. Questa è un'imposizione da dittatura !!!!!! Se poi vediamo che il mezzo viene spessissimo usato per fini politici si sinistra, ancora peggio, vomitevole. Roba da ricorso al tribunale internazionale dei diritti dell'uomo. LADRI!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog