Cerca

All'armi!

Silvio Berlusconi agli amministratori di Forza Italia: "Se mi arrestano, fate la rivoluzione"

Silvio Berlusconi agli amministratori di Forza Italia: "Se mi arrestano, fate la rivoluzione"

Nessuna rottamazione di Forza Italia, anzi Silvio Berlusconi sembra voler tornare alla carica più convinto di prima che quel partito, proprio con quel nome, dal 1994 ad oggi non può avere alternative. Davanti agli amministratori di Forza Italia, l'ex premier rispolvera le armi degli anni passati, anche perché i nemici e le situazioni sembrano tornare in un déjà vù infinito. Tornano a martellare le inchieste giudiziarie che lo riguardano e come succede da anni, i fronti aperti sono sparsi tra diverse Procure da Nord a Sud: "Non me ne vado - ha detto Berlusconi - Resto qui ad affrontare anche la sinistra e i pm. E non avendo più nulla, nessuno che mi copre, potrebbe anche accadere che qualche pm potrebbe anche portarmi a non essere più libero". Berlusconi non fa segreto di temere un arresto, pur convinto della propria innocenza. Quindi lancia un appello estremo: "Se dovesse accadere spero abbiate il coraggio di fare una rivoluzione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fiorgio

    16 Agosto 2015 - 19:07

    Caro Silvio io sono stato sempre dalla tua parte, però non potevi averla fatta tu la rivoluzione, quando avevi mezza Italia con tè dopo la manifestazione di Roma, dei 300000, invece hai calato i pantaloni davanti a chiesa e magistratura! Ora speriamo in Salvini, che penso non voglia fare la tua fine.

    Report

    Rispondi

  • carlamasel

    17 Luglio 2015 - 10:10

    invece se lo arrestano vado a fare la rivoluzione con lui in prima fila

    Report

    Rispondi

  • elon

    17 Luglio 2015 - 09:09

    Si la farei (la rivoluzione), in compagnia della Pascale, Dudù la Guerra e le Olgettine agli ordini di Toti e Brunetta pensate un pò.

    Report

    Rispondi

  • moisec

    16 Luglio 2015 - 23:11

    Come nella migliore tradizione sudamericana: i potenti non sono soggetti alla legge.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog