Cerca

Valzer delle poltrone

Commissioni parlamentari, Matteo Renzi prepara il mini-rimpasto: via quattro presidenti di Forza Italia

Commissioni parlamentari, Matteo Renzi prepara il mini-rimpasto: via quattro presidenti di Forza Italia

A metà legislatura, il governo e la maggioranza di Matteo Renzi si sta preparando a una sorta di revisione dal meccanico, un minirimpasto che coinvolgerà l'esecutivo e alcuni ruoli chiave nelle commissioni parlamentari, posti cruciali per eliminare i piccoli e fastidiosi ostacoli ai progetti di riforme renziane. Per le novità nell'esecutivo è più probabile che i tempi si allunghino a dopo le ferie estive, ma per le commissioni già domani 21 luglio più di un presidente dovrà fare le valigie.

Chi cambia - Ad andare via sono per lo più parlamentari che nel passaggio il governo Letta e quello Renzi sono passati da essere in maggioranza all'opposizione. Così pagano dazio il presidente della Prima commissione, Francesco Paolo Sisto di Forza Italia, che sarà sostituito secondo il Corriere della sera o da Emanuele Fiano o da Matteo Richetti, entrambi Pd. Il forzista Elio Vito alla Difesa sarà sostituito o da un collega centrista o dal Pd Francesco Saverio Garofani. Al posto del fittiano Daniele Capezzone, presidente della Commissione finanze, arriverà uno tra l'alfaniano Maurizio Bernardo, la renziana Silvia Fregolent o il dem Marco Causi. Dovrà cedere la presidenza della Commissione cultura l'azzurro Giancarlo Galan, agli arresti domiciliari per lo scandalo Mose, sostituito dalla renziana Flaminia Piccoli Nardelli o da Maria Coscia.

Chi resta - L'ultima cosa che Renzi cerca è crearsi altre grane all'interno del Pd. Per questo rimarranno al proprio posto Guglielmo Epifani, presidente della Commissione commercio e turismo, Cesare Damiano, lavoro, e Francesco Boccia al Bilancio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • compagno sovietico

    20 Luglio 2015 - 19:07

    Il Duce e sempre più deciso ad eliminare la democrazia al governo del paese.La Naggioranza Silenxiosa si deve organizzare affinché nel primo autunno si faccia una grande manifestazione contro questo governo che sta portando il paese verso la felicità dei paesi comunisti e verso il declino felice irreversibile!

    Report

    Rispondi

  • garfanhotto

    20 Luglio 2015 - 19:07

    Da questo si vede la sua arroganza, il suo governo clandestino detta legge come in una dittatura.

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    20 Luglio 2015 - 19:07

    Fanno tutti schifo, il disastro è che la rivoluzione si è indirizzata malissimo, verso i verdi-bruni di Grillo, "No Tutto" con programma comunistoide (il reddito di cittadinanza sarebbe la fine dell'Italia, solo per pagarlo altre decine di patrimoniali -oltre quelle già in atto- )

    Report

    Rispondi

  • filadelfo

    20 Luglio 2015 - 19:07

    Non ho la pretesa di capire la politica italiana (un guazzabuglio!), ma di una cosa sono certo, Renzi tirerà fino al 2018 per un motivo semplice: deputati e senatori vivono lautamente sulla pelle degli italiani. Volete che lascino l'osso prima di averlo spolpato... fino all'osso (!?!). Del resto, guardate Marino, Crocetta, De Magistris, De Luca... Cadrà il mondo ma non schioderanno dalla poltrona

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog