Cerca

Scende in campo

Diego Della Valle contro Matteo Renzi: "Problema democratico, fatelo cadere. Mattarella, fai un altro governo"

Diego Della Valle contro Matteo Renzi: "Problema democratico, fatelo cadere. Mattarella, fai un altro governo"

"Renzi vuole prendere in mano tutto il potere", è un "pericolo per la democrazia", "il presidente Mattarella intervenga e formi un nuovo esecutivo, per portarci al voto nel 2018". Dalle pagine del Fatto quotidiano Diego Della Valle parte all'attacco del premier Matteo Renzi lanciando addirittura un appello al Quirinale. E, in maniera velata, proponendosi come elemento di raccordi per tutti quelli che non si riconoscono nella dittatura renziana, da destra a sinistra.

"Scarsi e approssimativi" - Nella maggioranza, spiega il patron di Tod's, "c'è un silenzio preoccupante per la democrazia. Molte di queste persone sono costrette ad allinearsi al diktat del premier, o con me o contro di me. Chi tace di fronte a una situazione così grave diventa complice di questi sistemi". Il guaio, rincara, è che questo esecutivo sta fallendo sotto tutti i punti. La rottamazione? "Una scusa, alla fine abbiamo visto un po' di regolamenti di conti tra politici e il cambio di uomini che guidavano le aziende dello Stato con nuovi manager, amici del governo". La qualità e l'esperienza dei ministri "è mediamente scarsa", mentre Renzi è "approssimativo", "non ha l'esperienza necessaria, guida un Paese con problemi molto più grandi di lui. Non dimentichiamo cosa faceva fino a un anno fa. Tra decidere i sensi unici di una città e la politica economica di un Paese, ce ne passa". Infine, "i risultati sono molto pochi, le promesse sono state troppe. Per guidare il nostro Paese c'è bisogno di qualcuno che abbia esperienza, autorevolezza e soprattutto che sia sostenuto dai cittadini".

"Mandatelo a casa" - Qui parte l'assist a chi vorrebbe liberarsi di Renzi: "Gli italiani richiamati alle urne circa un mese fa hanno detto con chiarezza che questo governo gli piace molto poco - suggerisce Dellla Valle -. Segnale che dovrebbe essere colto dal mondo della politica: dall'esecutivo e dal Pd per fare autocritica, dagli alleati di governo per capire che non c'è un condottiero imbattibile alla guida, ma qualcuno che ha bisogno dei loro voti altrimenti non può andare avanti. Si ricordino come venivano trattati prima delle ultime elezioni, quando Renzi pensava di avere un consenso forte...". Questi stessi soggetti oggi potrebbero mandare a casa il governo, "votando secondo coscienza e non secondo direttive politiche. Per questo - conclude Della Valle -, rispettosamente, mi rivolgo al presidente Mattarella invitandolo a formare un nuovo esecutivo composto da persone che sanno le cose, perché le hanno anche vissute, e che accompagnino il Paese alle elezioni del 2018".

L'auto-candidatura - Della Valle accenna vagamente al ruolo che avrebbe in questa operazione, ma il senso è chiaro: "Faccio l'imprenditore a tempo pieno e, considerando anche il mio ruolo pubblico, ritengo doveroso, quando ce n'è motivo, prendere posizione, anche se è scomodo perché ci si fanno molti nemici. Bisogna chiarire che un governo non eletto dai cittadini sta tentando di prendere in mano il potere a tutti i livelli. Non possiamo permetterlo: metterebbe in discussione la qualità della nostra democrazia". "Sono pronto a mettere a disposizione una parte del mio tempo - conferma poi -, la conoscenza che ho di certe cose e, nei limiti delle regole, anche il supporto finanziario necessario per sostenere chiunque voglia occuparsi seriamente del futuro del Paese". Con Silvio Berlusconi? "Io e lui ci siamo sempre detti le cose con chiarezza, spesso anche con forte determinazione. In questo caso mi ha fatto un complimento. Lo prendo come tale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • boss1

    boss1

    24 Luglio 2015 - 17:05

    se realmente si avverasse l'ipotesi di Diego premier e sempre se realmente potrebbe lavorare a modo suo e con persone di sua fiducia potrebbe fare cose veramente utili per il paese derelitto che ci troviamo oggi. ma purtroppo solo ieri hanno detto che a 1500 anni luce di distanza c'è un pianeta simile alla terra forse li Diego potrebbe fare il premier comunque forza Diego provaci.

    Report

    Rispondi

  • pino&pino

    24 Luglio 2015 - 16:04

    Che dire: povera e miserabile destra italiana.

    Report

    Rispondi

  • carlo1958

    24 Luglio 2015 - 15:03

    Io lo voto oggi stesso a Della Valle... Datemi una scheda!

    Report

    Rispondi

  • lonato47

    24 Luglio 2015 - 14:02

    Come gira il mondo.......Ora vi va bene anche lo scarparo se critica Renzi. Ieri o ieri l'altro cosa dicevate? Basta andare a rileggere Libero di qualche mese fa. Per voi la coerenza e' a senso unico.

    Report

    Rispondi

    • carlo1958

      24 Luglio 2015 - 15:03

      Uno scarparo che ha portato il Made in Italy nel mondo é molto meglio dell'ex sindaco che fa esattamente il contrario

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog