Cerca

Il sondaggista

Renato Mannheimer: "Il Pd di Matteo Renzi perde il 10%"

Renato Mannheimer: "Il Pd di Matteo Renzi perde il 10%"

Ha perso dieci punti percentuali il Pd di Matteo Renzi. Dal 40 per cento delle Europee di maggio 2014, il partito democratico è ora al 30 per cento. Di questi dicei punti persi, 5-6 sono stati guadagnati dal Movimento 5 stelle. A snocciolare numeri e analisi sull'attuale situazione politica è il sondaggista Renato Mannheimer, presidente dell'Ispo, che in una intervista a ItaliaOggi spiega anche che solo il 30-40% degli italiani ha fiducia nel taglio delle tasse annunciato da Renzi mentre il 60-70% è scettica o diffidente.

Premettendo che secondo Mannheimer, quella con l'opinione pubblica è sempre una relazione buona, "perché Renzi è bravo a comunicare", "il suo successo comunicativo non ha paragoni con quello di Berlusconi a suo tempo".  Se "sul piano personale, Renzi ha sicuramente una grande capacità comunicativa", deve però vedersela con "un partito molto diviso e deve stare attento agli equilibri interni. Ha inoltre una minoranza risicata in un ramo del Parlamento, il Senato, e quindi il suo è uno stop and go".

Ma Renzi ha perso il 10 per cento dei consensi "perché la gente si è sentita delusa dopo che il premier aveva promesso tante cose. In parte quindi hanno iniziato a vederlo alla stregua degli altri politici". E poi, continua Mannheimer, "c'è un sentimento generale di delusione. Anche Renzi ha fatto le riforme, ma con grandi conflitti nel Pd" e dopo "il bonus da 80 euro, si aspettavano ancora più crescita economica e sgravi fiscali". L'unico modo che ha il premier per recuperare consensi è smettere "di accettare i condizionamenti che lo frenano". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eziocanti

    30 Luglio 2015 - 11:11

    RenFonzie si è rivelato un emerito fanfarone buono a fare proclami e promesse per raccattare consensi ma che poi non manterrà. Nonostante tutto, non lo darei però già politicamente morto, i poteri forti (massoni, banche, grande finanza) l'hanno voluti lì apposta questo dilettante allo sbaraglio che ubbidisce pedestremente a tutto ciò che gli impongono, alla faccia del popolo bue.

    Report

    Rispondi

  • EhEhEh

    29 Luglio 2015 - 08:08

    Non li recuperaiu' i consensi ,la gente intelligente ha capito che ha a che fare con un venditore di materassi cagone e sbruffone...siamo ai titoli di coda,oramai e per fortuna!!! ieri nemmeno e' andato a parlare alla festa dl suo partito per paura delle contestazioni!!Anche vigliacco ,l ebetino di firenze!!

    Report

    Rispondi

  • mariamorreale

    28 Luglio 2015 - 17:05

    I voti di tutta la classe insegnante e sicuro che li ha perso; anche tra quelli che saranno assunti

    Report

    Rispondi

  • brunoknez8

    28 Luglio 2015 - 17:05

    Possibile che tanti politici al governo pur contrari a quasi tutte le leggi porcata fatte da RENZI,abbiano scelto di rimanere sulle loro poltrone pur di vedere andare distrutta la democrazia e quel pò di economia che e rimasta in Italia,questi oppositori della sinistra sono peggio dei renziani,loro almeno sanno quanto vogliono arraffare prima di andarsene via dal parlamento.

    Report

    Rispondi

    • marcinkus.marpo

      30 Luglio 2015 - 23:11

      Bisognerebbe fare in modo che raccogliendo 5milioni di firme si potrebbe indire un referendum che richieda ai cittadini "volete andare a nuove elezioni?". Io sono sicuro che 5milioni di firme si raccoglierebbero in meno di 30 giorni.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog