Cerca

L'invasione

Immigrazione, il Pd spalanca le porte: da settembre lo "ius soli", ecco il disegno di legge

Immigrazione, il Pd spalanca le porte: da settembre lo

È stato presentato oggi alla commissione Affari costituzionali alla Camera il disegno di legge sullo Ius soli (in latino, diritto del suolo), ovvero sul diritto a ottenere la cittadinanza (in questo caso, italiana) per il fatto di esser nati in un determinato paese, indipendentemente da quale sia quella dei genitori. Il ddl è stato presentato dalla relatrice del Partito democratico Marilena Fabbri, e punta a unificare i 29 precedenti disegni di legge stesi in precedenza sotto il governo Letta. Il Pd, dunque, dal prossimo settembre, mira a spalancare le porte agli immigrati.

Meno di 12 - A differenza di quello canonico, che prevede che ricevano la cittadinanza i bambini che nascono su suolo nazionale in maniera per così dire automatica (come accade ad esempio in America), la versione di ius soli presentata dal Pd prescrive che ricevano la cittadinanza italiana i figli di stranieri nati in Italia solo se almeno uno dei genitori risiede su suolo nazionale senza interruzioni da almeno cinque anni prima della nascita del bambino. Oppure nel caso in cui uno dei due genitori anche se straniero sia nato in Italia e vi abiti da almeno un anno sempre senza interruzioni, dopo magari aver risieduto all'estero negli anni precedenti. In questi casi la cittadinanza italiana verrebbe assegnata nel momento esatto in cui si iscrive all'anagrafe il nuovo nato.

Fra i 12 e i 18 - I bambini che non posseggono questi requisiti, possono ottenere la cittadinanza se sono arrivati in Italia quando avevano meno di 12 anni e se hanno frequentato regolarmente per almeno cinque anni un percorso di istruzione "idoneo al conseguimento di una qualifica professionale", sempre su suolo italiano. Se i ragazzi sono invece arrivati in Italia fra i 12 e i 18 anni, potranno ottenere la cittadinanza se hanno risieduto per almeno sei anni in Italia, e dopo aver frequentato un ciclo di studi con annesso conseguimento del titolo conclusivo.

Le ombre - Immediatamente, dopo la presentazione del provvedimento, ci sono state le dimissioni dalla commissione della seconda relatrice, Annagrazia Calabria di Forza Italia, che ha affermato: "Ritengo impossibile condividere il testo base elaborato. Per questo ho deciso di rimettere il mio ruolo di correlatore del provvedimento e di proseguire dall’opposizione". In ogni caso si rimanda tutto a settembre, quando cominceranno i lavori sul disegno di legge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • milani.eugenio

    03 Agosto 2015 - 17:05

    solo dei comunisti deficento potevano presentare e,senz'altro approvare sta legge 111

    Report

    Rispondi

  • wall

    01 Agosto 2015 - 16:04

    Questo governo non votato dal popolo italiano " marca male" come si dice a Roma. Voglioni ancora minare e incendiare gli animi non tanto calmi di noi italiani!! Non si può pensare a delle stronzate del genere in quanto per far ciò serviranno altri miliardi di euri..........che ricadranno ancora sulle generazioni future e non sono di certo tribù africane, sinti,rom,asiatici , stronzi come loro!

    Report

    Rispondi

  • filomao

    01 Agosto 2015 - 15:03

    Tornino a casa, questi sono veramente fuori di testa! ci stanno devastando il paese nascondendosi in un finto buonismo pieno solo di interessi per le loro sporche tasche!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • oennecolor

    oennecolor

    01 Agosto 2015 - 12:12

    voi avete cercato la rogna nera e meticcia _ ebbene l avete trovata con la vostra bontà il vostro altruismo calcolato _ qui in francia specie i neri quando sanno che sei un_RITAL _ ... ti deridono _ possible che forza italia non faccia un referendum contro l invasione di quest spochi alieni neriiiii?????????????????????????????????????????????????????????????????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog