Cerca

Le nomine

Rai, eletto il nuovo Cda. Il Pd si spacca su Ferruccio De Bortoli, c'è Carlo Freccero per il M5s

Carlo Freccero e Ferruccio De Bortoli

Dopo giorni di trattative e indiscrezioni, la commissione di Vigilanza della Rai ha eletto il nuovo Cda dell'azienda di viale Mazzini. Il Pd ha tre uomini: Guelfo Guelfi, Rita Borioni e Franco Siddi. In quota Area popolare è stato eletto Paolo Messa, mentre il M5s come indicato in mattinata ha votato per Carlo Freccero. Due i membri per il centrodestra: Artutro Diaconale e Giancarlo Mazzucca. I nomi eletti in quota Pd non piacciono alla minoranza del partito, che puntava su Ferruccio De Bortoli, nome bocciato (sconta i durissimi attacchi a Matteo Renzi ai tempi della direzione del Corriere della Sera). Secondo la minoranza Pd, i nomi proposti dalla segreteria "sono pura e semplice lottizzazione". Il conflitto nel partito, dunque, si aggrava ulteriormente. In precedenza, dal Giappone, Matteo Renzi aveva detto la sua sulla Rai: "Domani mattina il governo indicherà i nomi di direttore generale e presidente. Saranno professionisti di livello, competenza e indipendenza come è giusto che sia". Il premier, inoltre, ha di fatto confermato che il futuro dg sarà Antonio Campo Dall'Orto: "È uno stimatissimo professionista tra i più interessanti innovatori della televisone degli ultimi anni".

Rammarico per Ferruccio -  "La minoranza è abituata ad esercitare veti ma stranamente si è presentata con un nome secco, quello di De Bortoli". Lo ha detto Matteo Orfini all’uscita di palazzo San Macuto al termine della votazione per l’elezione di sette dei nove nuovi componenti del Cda di viale Mazzini. Il  riferimento di Orfini è alla spaccatura che si è prodotta all’interno del Pd, con la minoranza che ha puntato sull’ex direttore del Corriere della Sera e che non è passato perché ha ottenuto solo due voti. Orfini sottolinea che quella di De Bortoli era sicuramente «una candidatura autorevole", aggiungendo però "è curioso che la sinistra interna lo abbia candidato...". Amareggiato Michele Gotor per il veto che è stato messo su De Bortoli. "Il Pd deve dare indicazioni di alto profilo e invece si è persa questa occasione". Così Michele Gotor, della minoranza Pd, al termine della votazione in commissione di Vigilanza per l’elezione di sette dei nove componenti del nuovo Cda Rai. "De Bortoli è una figura indiscutibile - aggiunge Gotor - di alta professionalità e al di fuori di ogni logica partitoria. Avrebbe dato lustro al Pd, alla proposta politica del governo e alla Rai», ha concluso Gotor. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gios78

    04 Agosto 2015 - 20:08

    Gigi il negher ma cosa vuoi eleggere tu? Lascia perdere, sono cose da grandi. Neanche il presidente della pro loco del tuo paese ti sta a sentire

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    04 Agosto 2015 - 18:06

    Ma cosa c'è di nuovo in questo Governo ? Sola le balle che dobbiamo sopportare dalla mattina alla sera, balle che ora con questa nuova sistemazione della RAI dovremo sorbire in tutte le salse. LA RAI si deve chiudere e vendere e non rimanere sui bilanci dei cittadini che non ne possono più di questa lottizzazione gestita con i nostri soldi.

    Report

    Rispondi

  • oennecolor

    oennecolor

    04 Agosto 2015 - 18:06

    gigi il negher_ da come vagabondi qui solo x scrivere finocchiate _ se vuoi ti posso fare il posto di lavoro qui A PARIGI come guardiano nelle toilette maschili _ se sei favorevole chiedi alla direzione di Libero come contattarmi _ _ non é uno scherzo

    Report

    Rispondi

  • oennecolor

    oennecolor

    04 Agosto 2015 - 18:06

    gigi il negher_ da come vagabondi qui solo scrivere finocchiate _ se vuoi ti posso fare il posto di lavoro qui A PARIGI come guardiano nelle toilette maschili _ se sei favorevole chiedi alla direzione di Libero come contattarmi _ _ non é uno scherzo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog