Cerca

Carroccio allargato

Lega Nord, da Marine Le Pen a Varoufakis e Landini: i professori della scuola politica di Salvini

Lega Nord, da Marine Le Pen a Varoufakis e Landini: i professori della scuola politica di Salvini

A Repubblica già l'hanno definita "le Frattocchie leghiste". È la scuola di formazione politica fortemente voluta dal segretario Matteo Salvini, sorta di think tank allargato in salsa padana in cui far intervenire esponenti politici e ideologi di posizioni molto lontane da loro (e anche dalla Lega) ma accomunati dal rifiuto dell'egemonia degli euro-burocrati. Concetto caro, quest'ultimo, a Salvini e ai suoi elettori e forse per questo, sempre secondo Repubblica, il sogno del Matteo in verde è quello di riunire intorno alla stessa "cattedra" il gotha degli "outsiders": da una parte la leader del Front national Marine Le Pen, da mesi il punto di riferimento per le destre europee, e dall'altra Yanis Varoufakis, l'ex ministro delle Finanze greco, comunista convinto, diventato simbolo della lotta alla Germania e alla Merkel (non è finita bene, ma lui si è dimesso furbamente un minuto prima della resa, da vincitore o quasi). Non solo, altro professore chiamato dai leghisti a tenere lezione a chi si iscriverà (al costo di 590 euro) è il segretario della Fiom Maurizio Landini, che in comune con Salvini ha solo la sua opposizione a Matteo Renzi. A loro si aggiungono figure come l'ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli, il filosofo ed editorialista Massimo Fini, il giornalista Marcello Foa. , e ancora il membro laico del Csm Elisabetta Alberti Casellati e l'economista critico Alberto Bagnai, comunista pure lui ma assai vicino alle battaglie anti-euro del Carroccio. "Vogliamo aprirci a idee e culture diverse", spiega a Repubblica l'organizzatore Armando Siri, ideologo italiano della Flat tax.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    20 Agosto 2015 - 17:05

    Ai leghisti ci vuole la scuola punto e basta, magari elementare. Forse un buon asilo basterebbe.

    Report

    Rispondi

    • f.bacchin

      21 Agosto 2015 - 22:10

      A te non serve niente : sai tutto compresa la presunzione e l'arroganza !

      Report

      Rispondi

  • Gios78

    20 Agosto 2015 - 15:03

    A me sembra una stronzata. Noi siamo stati fottuti dai cosiddetti intellettuali. Io li relegherei in un'isola deserta a discutere e discutere senza cibo né acqua. Chissà che la loro grande cultura non li salvi dalla morte per fame...no Salvini, quella gente lasciala fuori dalla porta.

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    20 Agosto 2015 - 13:01

    Molto bene la Lega e molto bene Salvini, unici nel panorama nazionale che cercano di cambiare questo sistema marcio.

    Report

    Rispondi

    • ferriluigi

      ferriluigi

      22 Agosto 2015 - 21:09

      condivido, per fortuna che c'è Salvini altrimenti bisognerebbe inventarlo

      Report

      Rispondi

  • filen

    filen

    20 Agosto 2015 - 10:10

    Non è che magari la storia della scuola non sia una furbata per mettergli contro un altra bella fetta di komunisti che vorrebbero cacciare il pinocchio bugiardino?

    Report

    Rispondi

blog