Cerca

La posizione

Renato Brunetta: "Niente primarie finché c'è Silvio Berlusconi: prima chiariamo le regole"

Renato Brunetta:

Niente primarie, siamo di centrodestra. È dovuto intervenire Silvio Berlusconi per frenare la proposta lanciata dal suo consigliere politico, Giovani Toti, che pochi giorni fa aveva ipotizzato di usare lo strumento della consultazione popolare per risolvere l'indecisione sui candidati alle prossime amministrative del 2016 all'interno di una coalizione formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia. Al Cav fa eco l'ex ministro Renato Brunetta: "Le primarie possono essere falsate - ha detto - e lo si è visto quando il Pd le ha tenute in Liguria, a Napoli, a Roma... Oltretutto per Forza Italia le abbiamo sempre escluse - ricorda - non sarebbero coerenti con la sua leadership".

Il metodo - Escluso il voto di militanti e simpatizzanti, l'unico modo che Brunetta ritiene valido per la scelta dei candidati a sindaco è quello suggerito da Berlusconi, cioè sulla base di un accordo politico: "Bisogna arrivarci attraverso un accordo serio, chiaro e netto. Ma nel caso in cui questo accordo non si dimostrasse realizzabile, e la conseguenza fosse quelle di presentarci divisi pregiudicando la possibilità di vincere, una via d'uscita andrà pur trovata".

Le regole - La linea di Forza Italia sulle primarie non è comunque di chiusura totale. Anzi, è stato proprio l'ufficio di presidenza azzurro a deliberare la possibilità: "di tenere le primarie di coalizione nei casi in cui non fosse possibile individuare un candidato condiviso all'interno della coalizione". La necessità però è chiarirsi su: "come tenere le primarie, con quali regole, con quali controlli per impedire che ne approfittino pochi signori delle tessere o chi dispone di truppe cammellate. PEr tutto il centrodestra - ricorda il parlamentare - occorre avviare il cantiere delle idee, dei programmi e delle regole".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fascio89

    24 Agosto 2015 - 20:08

    Concordo, se senza primarie siamo già ai ferri corti, con pasdaran locali che cercano di imporre la propria linea alla maggioranza, figurati con le primarie, dove potrebbero comprarsi i voti in maniera legittima (mai vista la crescita delle tessere sotto i congressi?). Stupidi e malvagi coloro che chiedono di poter utilizzare questo strumento, chi vuole fare politica si iscrive ad un partito (.)

    Report

    Rispondi

  • MIMABEL

    24 Agosto 2015 - 17:05

    Ecco bravo avvia il cantiere e vai a lavorare 13 ore sotto al sole ODIOSO

    Report

    Rispondi

  • mauro iacomelli

    24 Agosto 2015 - 15:03

    Io la penso come il presidente Berlusconi ... quindi NON come Salvini, e NON come La Russa ecc. ecc. percui NON voterò candidati che la pensano diversamente da me ... mi pare giusto...

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    24 Agosto 2015 - 13:01

    Piccolo ma peggio de na zanzara l ometto

    Report

    Rispondi

    • sturmtruppen

      25 Agosto 2015 - 14:02

      sopratutto fastidioso come na zanzara femmina

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog