Cerca

L'assalto ai vertici

Giovanni Toti si smarca da Silvio Berlusconi: a lavoro per un'associazione, ma dentro Forza Italia

Giovanni Toti si smarca da Silvio Berlusconi: a lavoro per un'associazione, ma dentro Forza Italia

Giovanni Toti sembra pronto per lanciare l'Opa su Forza Italia. Da che Silvio Berlusconi è entrato in politica, sono almeno quattro i casi più eclatanti di tentata scalata ai vertici di Forza Italia o del centrodestra. Tutti impietosamente falliti come si sa, a cominciare da Gianfranco Fini, passando per Pierferdinando Casini, fino agli ultimi strappi con Angelino Alfano e Raffaele Fitto. Tutti hanno perso la sfida o scomparendo dal panorama politico o mettendo in piedi un nuovo partito con relativo salto nel buio. Tutti i casi precedenti però non hanno nulla a che fare con il consigliere politico dello stesso Berlusconi, attento e cauto ad ogni uscita pubblica, consapevole del fatto che non è con la forza che Forza Italia riuscirà ad avere una guida per il futuro.

Lo scontro - Il segnale che l'ex giornalista Mediaset cominciasse a smarcarsi politicamente da Berlusconi è arrivato con la sua dichiarazione a Repubblica sulle primarie. La sola parola provoca nel Cavaliere l'orticaria, eppure Toti ha rilanciato l'idea della consultazione popolare per aprire alla Lega e decidere con tutti gli alleati i candidati alle prossime amministrative del 2016. Sarebbe un madornale errore considerare quell'uscita di Toti come un modo per andare contro il suo padre politico, ma è di certo il suo primo movimento di autonomia dichiarata.

L'asse - I tempi delle cene del lunedì ad Arcore tra Berlusconi e Bossi sono ormai andati, quell'alleanza era basata innanzitutto su una fortissima amicizia personale che garantiva solidità e fiducia reciproca. Un rapporto che Toti sa quanto sia improbabile da replicare con Salvini, che anzi va tenuto periodicamente a bada prima che si divori tutto l'elettorato un tempo forzista. L'alleanza politica però è necessaria, e Toti la vuole gestire direttamente, bypassando Berlusconi in qualche modo con la sua stessa benedizione.

Il progetto - I ben informati parlano di un'associazione che il governatore della Liguria sta mettendo in piedi con l'aiuto degli ex colleghi europarlamentari Stefano Maullu e Alberto Cirio. Una manovra simile alla fondazione Liberamente di Maria Stella Gelmini, uno strumento utile a costruire un network che allarghi i confini del centrodestra, scrive Italia Oggi, un contenitore che non vada a sostituirsi o a mettersi in competizione con i partiti, ma che serva a tenere dentro proprio quei militanti, amministratori, imprenditori che dai partiti si sentono esclusi e poco rappresentati. Fra un paio di mesi ci potrebbe essere la presentazione ufficiale, l'inizio di una rincorsa alla maggioranza di centrosinistra che punta a riprendere grandi centri come Torino, Milano e Napoli, ma ha ben più alte ambizioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lupoWolf

    14 Settembre 2015 - 10:10

    Spero che non sia un'altro volta gabana.

    Report

    Rispondi

  • francesoconforti

    25 Agosto 2015 - 19:07

    aver riportatato Balotelli al Milan è una colpa grave , una squadra che ha ambizioni di scudetto se ci dovesse riuscire sarà merito o colpa sua. Ibra ti ha ti ha tirato un bidone, Balo te ne tirerà un altro e non c'è due senza tre i mister Be si rimangeranno la parola Non ci sperare non arriverà il tuo tramono, c'è già stato

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    25 Agosto 2015 - 16:04

    x quattrozampe ma non ti e' mai sfiorato per la capoccia del perche' tutti abbandonano maoberlusca?, ecco perche' del tuo nome,lo consideri come te un cane e tutti lo abbandonano,portalo al canile.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    25 Agosto 2015 - 16:04

    Toti magari riempira' la giunta della Regione Liguria di personaggi "scajolan-matacelliani".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog