Cerca

La mossa di Alfano

Roma, il Campidoglio sarà commissariato di fatto: sarà il prefetto Franco Gabrielli a guidare la Capitale

Roma, il Campidoglio sarà commissariato di fatto: sarà il prefetto Franco Gabrielli a guidare la Capitale

Se non è un commissariamento della Capitale, poco ci manca. Il piano in otto punti che il ministro dell'Interno Angelino Alfano porterà al consiglio dei ministri di oggi pomeriggio contiene una vera e propria esautorazione del sindaco di Roma, gli vengono tolti poteri e decisioni in alcuni settori nevralgici dell'amministrazione comunale finora adombrati dagli affari di Mafia capitale e sull'organizzazione del prossimo Giubileo del 8 dicembre. Le bozze da ieri pomeriggio sono già sul tavolo di Matteo Renzi, ci sono ambiti e nomi praticamente definiti che dovranno "bonificare" l'amministrazione di Roma e alcune che la circondano.

I commissari - Nella mani del prefetto di Roma, Franco Gabrielli, ci sarà la gestione dell'Anno Santo, affidata con una nomina diretta del Presidente del Consiglio così come successo per Expo con Sala. Accanto al prefetto ci saranno due tutor, scrive il Messaggero: il presidente dell'Anac Raffaele Cantore e Silvia Scozzese, l'ex assesore al bilancio che avrà la gestione del debito consolidato (prendendo il posto dell'attuale commissario Varazzano). Alfano vorrebbe affidare all'ex capo della Protezione civile anche tutto il cronoprogramma degli interventi di bonifica sugli atti amministrativi contro Mafia Capitale.

Le richieste - Il documento di Alfano con gli otto punti di intervento per ripulire Roma dai tentacoli di Mafia Capitale potrebbe subire alcune modifiche, ma in linea di massima l'intervento dello Stato sui poteri comunali sarà massiccio. Alfano chiederà il commissariamento del Municipio di Ostia, il più grande dopo Reggio Calabria a subire questo destino e sarà gestito per almeno 18 mesi dal prefetto Domenico Vulpiani, affiancato da altri due commissari. Potrebbe essere sciolto il VI Municipio, detto "delle Torri". Saranno rimossi almeno 18 tra dirigenti e funzionari comunali.

Le competenze - Il commissariamento di fatto di Roma comporterà un azzeramento dei dipartimenti che si occupano di verde pubblico, patrimonio, politiche sociali e casa. Marino sarà costretto a concordare con Gabrielli anche i nuovi regolamenti sull'affidamento dei lavori di servizi e forniture. Salteranno tutte quelle commesse finora affidate senza gara d'appalto perché in economia. Verrà monitorata la centrale unica degli acquisti, verificati tutti i contratti, compresi quelli con l'Ama (raccolta rifiuti), così come salteranno le determine dei dirigenti finora sotto contestazione e verrà introdotto un nuovo protocollo di controlli interni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Yossi

    27 Agosto 2015 - 22:10

    Scusate, mi sfugge perché i contribuenti debbono pagare lo stipendio ad un fantasma, solo perché è iscritto al PD e ce lo ha proposto D'Alema o perché è onesto ? Per favore scrivete pure quanto volete ma risparmiateci la foto di questo soggetto

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    27 Agosto 2015 - 22:10

    Questo qui, come si dice pare sia onesto però è come si dice a Roma un gran paraculo, si prende lo stipendio e quando serve sta in ferie ........

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    27 Agosto 2015 - 22:10

    Scusate, mi sfugge perché i contribuenti debbono pagare lo stipendio ad un fantasma, solo perché è iscritto al PD e ce lo ha proposto D'Alema o perché è onesto ?

    Report

    Rispondi

  • tommaso43

    27 Agosto 2015 - 15:03

    Affianchiamo ad un incapace(Marino), un'altro incapace Gabrielli.Ma andiamo alle elezioni, e finiamola con queste sceneggiate da varietà. Governo illegale!!!!!

    Report

    Rispondi

    • fausta73

      27 Agosto 2015 - 17:05

      e così mettiamo altri incapaci

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog